Sabato 10 Dicembre 2016
Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

I funghi antartici potrebbero sopravvivere su Marte

Esperimento EXPOSE-E all'esterno della ISS.
Esperimento EXPOSE-E all'esterno della ISS. Credit: ESA

L'esperimento LIFE (Lichens and Fungi Experiment), guidato dall'italiano Silvano Onofri dell'Università della Tuscia, ha dimostrato che alcuni piccoli funghi che si rifugiano nelle rocce antartiche possono sopravvivere su Marte. L'esperimento condotto a bordo della Stazione Spaziale Internazionale (ISS) ha dimostrato che oltre il 60% delle loro cellule è rimasto intatto con DNA stabile dopo 18 mesi trascorsi in un ambiente simulato ostile.

I ricercatori hanno studiato due specie di funghi microscopici, i Cryomyces antarcticus ed i Cryomyces minteri raccolti nelle McMurdo Dry Valleys in Antartide, uno degli ambienti terrestri più simili al Pianeta Rosso. Questi funghi sono "criptoendolitici" nel senso che vivono nelle crepe delle rocce. Insieme, erano stati inviati nello spazio per lo stesso esperimento anche due tipi di licheni dalla Sierra de Gredos (Spagna) e delle Alpi austriache, i Rhizocarpon geographicum ed i Xanthoria elegans.

Metà dei campioni sono stati collocati in celle di 1,4 centimetri di diametro nella piattaforma EXPOSE-E dell'Agenzia Spaziale Europea (ESA), collocata all'esterno della ISS, sul modulo Columbus.
Per 18 mesi sono stati esposti a condizioni ambientati simili a quelle di Marte, come un'atmosfera composta per il 95% da anidride carbonica, dall'1,6% di argon, dallo 0,15% di ossigeno, dal 2,7% di azoto e da 370 parti per milione di acqua; una pressione atmosferica di 1000 Pascal (circa l'1 per cento di quella della Terra a livello del mare) e, attraverso dei filtri ottici, ad elevati livelli di radiazione ultravioletta (superiori ai 200 nanometri). L'altra metà è stata mantenuta come campione di riferimento.

Sezione di cristalli di quarzo vista al microscopio elettronico, colonizzata dai microrganismi criptoendolitici e funghi Cryomyces.

Sezione di cristalli di quarzo vista al microscopio elettronico, colonizzata dai microrganismi criptoendolitici e funghi Cryomyces.
Crediti: S. Onofri et al.

Anche se meno del 10 per cento dei funghi sono stati in grado di proliferare e formare nuove colonie dopo l'esperimento, "il risultato più rilevante è stato che oltre il 60 per cento delle cellule della comunità endolitica studiata è rimasta intatta dopo l''esposizione all'ambiente di Marte, o meglio, la stabilità del DNA cellulare era ancora alta", ha spiegato la co-autrice dello studio pubblicato sulla rivista Astrobiology, Rosa de la Torre Noetzel del National Institute of Aerospace Technology (INTA).

"I risultati aiutano a valutare la capacità di sopravvivenza e la stabilità a lungo termine di microrganismi e bioindicatori sulla superficie di Marte, informazioni che diventano fondamentali per i prossimi esperimenti incentrati sulla ricerca della vita sul Pianta Rosso [come ExoMars dell'ESA e il rover Mars 2020 della NASA]", ha aggiunto De La Torre.

Survival of Antarctic Cryptoendolithic Fungi in Simulated Martian Conditions On Board the International Space Station [abstract]

Dehydrated Antarctic cryptoendolithic communities and colonies of the rock inhabitant black fungi Cryomyces antarcticus (CCFEE 515) and Cryomyces minteri (CCFEE 5187) were exposed as part of the Lichens and Fungi Experiment (LIFE) for 18 months in the European Space Agency's EXPOSE-E facility to simulated martian conditions aboard the International Space Station (ISS). Upon sample retrieval, survival was proved by testing colony-forming ability, and viability of cells (as integrity of cell membrane) was determined by the propidium monoazide (PMA) assay coupled with quantitative PCR tests. Although less than 10% of the samples exposed to simulated martian conditions were able to proliferate and form colonies, the PMA assay indicated that more than 60% of the cells and rock communities had remained intact after the “Mars exposure.” Furthermore, a high stability of the DNA in the cells was demonstrated. The results contribute to assessing the stability of resistant microorganisms and biosignatures on the surface of Mars, data that are valuable information for further search-for-life experiments on Mars. Key Words: Endoliths—Eukaryotes—Extremophilic microorganisms—Mars—Radiation resistance. Astrobiology 15, 1052–1059.

Altre info su questo post:

Condividi e resta aggiornato!

Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Dal 2009 elaboro le immagini raw delle missioni spaziali insieme a Marco Faccin ed ho creato questo blog ad agosto 2012, in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte.
Per lavoro mi occupo di digital advertising, web e video analytics presso Shiny (SV – Italia) ma passo la maggior parte del tempo libero su questo sito e tra i cataloghi delle foto scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

Sito web: https://twitter.com/EliBonora
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Newsletter

I nostri articoli sono anche su Coelum Astronomia!

GRATIS E DIGITALE: leggilo ora!

Immagine del giorno

Mission log

AstroAppuntamenti

Dicembre 2016
L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31

Dal nostro album di Flickr

Meteo spaziale

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Aggiornato al 10 Dicembre.

Sole e Luna

Attività solare - Credit: SDO/HMI / spaceweather.com

Buchi coronali - Credit: SDO/AIA / spaceweather.com

SOHO LASCO C2 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

SOHO LASCO C3 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

Aurora - emisfero nord - Credit: NOAA/Ovation

Aurora - emisfero sud - Credit: NOAA/Ovation

CURRENT MOON

Aggregatore notizie RSS - BlogItalia - La directory italiana dei blog - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it

[IT] Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Per saperne di più o negare il consenso prendete visione dell'Informativa Estesa.
Chiudendo questo banner cliccando su 'Accetto' ed in qualunque altro modo, o proseguendo la navigazione su questo sito web, acconsentite al loro uso.
[EN] This site uses technical and third-party cookies, in order to improve services and experiences of our readers. If you want to know more or deny cookies exchange, please view "Cookie Information".
Closing this banner clicking on 'Agree' and in any other way, or continuing to browse this website, you consent with the cookies usage.