Sabato 10 Dicembre 2016
Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

Parte il progetto DESI: svelerà in parte la storia dell'Universo

Parte il progetto DESI: svelerà in parte la storia dell'Universo
Credit: R. Lafever and J. Moustakas for the DESI Collaboration, background image by Dark Energy Camera Legacy Survey

L'U.S. Department of Energy ha dato il via al progetto DESI, il Dark Energy Spectroscopic Instrument che migliorerà la nostra comprensione del ruolo dell'energia oscura nella storia dell'espansione dell'Universo.

Lo strumento, frutto di una collaborazione internazionale che vede coinvolti più di duecento fisici ed astronomi, è destinato al telescopio di 4 metri Mayall situato al Kitt Peak National Observatory.

DESI misurerà i redshift di più di 30 milioni di galassie e quasar con una precisione senza precedenti e questi dati permetteranno di creare un'incredibile mappa tridimensionale dell'Universo che rivelerà come l'energia oscura e la gravità hanno rivaleggiato nel corso del tempo per modellarne la struttura.

Michael Levi, direttore del programma DESI presso la Divisione di Fisica al Berkeley Lab, ha spiegato:
"Studieremo quattro tipi di obiettivi per raccogliere una gamma completa di redshift: galassie vicine brillanti fino a redshift 0.4; galassie rosse luminose fino a redshift 1; galassie con righe di emissione fino a redshift 1.6 e quasar molto distanti fino a redshift 3.5".

Il redshift, che letteralmente significa "spostamento verso il rosso", è lo spostamento dello spettro di un oggetto astronomico lontano verso lunghezze d'onda più lunghe (cioè più rosse) ed è un misura diretta dell' "allungamento" dello spazio, a causa dell'espansione dell'Unverso, mentre la luce viaggia dall'oggetto all'osservatore. Più il redshift è grande e più l'oggetto è vecchio (per un approfondimento consiglio il post di Marco Di Lorenzo "Lo spostamento verso il rosso").

Daniel Eisenstein, della Harvard University, e Risa Wechsler, della Stanford University, portavoci del progetto, hanno dichiarato:
"DESI cercherà di utilizzare l'impronta fossile lasciata dalle onde sonore durante i primi 400 mila anni dell'Universo, ancora visibili sotto forma di piccole variazioni di temperatura presenti nella radiazione cosmica di fondo (CMB)".
Queste minime differenze di temperatura corrispondono alle variazioni primordiali della densità (onde sonore), che successivamente si sono evolute in ammassi di galassie, nel gas intergalattico e nella materia oscura, con intervalli ricorrenti nello spazio. Chiamate "Baryonic Acoustic Oscillations" (BAO, oscillazioni acustiche barioniche), questi raggruppamenti regolarmente distanziati sono coerenti nel tempo e consentono misure dirette dell'effetto dovuto all'energia oscura sull'espansione cosmica, come un righello che ha il CMB ad un'estremità.

Lo studio delle oscillazioni acustiche barioniche sarà solo l'inizio per DESI.
Insieme ad altre indagini, lo strumento potrà "pesare" la massa totale dei neutrini e permetterà anche di mettere a confronto i diversi modelli dell'inflazione cosmica, cioè di quel breve momento di rapida espansione avvenuto subito dopo il Bg Bang.

 

Riferimenti:
- http://phys.org/news/2015-09-desi-ambitious-probe-dark-energy.html

Approfondimenti:
- http://desi.lbl.gov/wp-content/uploads/2014/04/tdr-science-biblatex2.pdf
- http://desi.lbl.gov/wp-content/uploads/2014/04/tdr-instrument-biblatex2.pdf

 

Altre info su questo post:

Condividi e resta aggiornato!

Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Dal 2009 elaboro le immagini raw delle missioni spaziali insieme a Marco Faccin ed ho creato questo blog ad agosto 2012, in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte.
Per lavoro mi occupo di digital advertising, web e video analytics presso Shiny (SV – Italia) ma passo la maggior parte del tempo libero su questo sito e tra i cataloghi delle foto scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

Sito web: https://twitter.com/EliBonora
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Newsletter

I nostri articoli sono anche su Coelum Astronomia!

GRATIS E DIGITALE: leggilo ora!

Immagine del giorno

Mission log

AstroAppuntamenti

Dicembre 2016
L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31

Dal nostro album di Flickr

Meteo spaziale

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Aggiornato al 8 Dicembre.

Sole e Luna

Attività solare - Credit: SDO/HMI / spaceweather.com

Buchi coronali - Credit: SDO/AIA / spaceweather.com

SOHO LASCO C2 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

SOHO LASCO C3 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

Aurora - emisfero nord - Credit: NOAA/Ovation

Aurora - emisfero sud - Credit: NOAA/Ovation

CURRENT MOON

Aggregatore notizie RSS - BlogItalia - La directory italiana dei blog - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it

[IT] Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Per saperne di più o negare il consenso prendete visione dell'Informativa Estesa.
Chiudendo questo banner cliccando su 'Accetto' ed in qualunque altro modo, o proseguendo la navigazione su questo sito web, acconsentite al loro uso.
[EN] This site uses technical and third-party cookies, in order to improve services and experiences of our readers. If you want to know more or deny cookies exchange, please view "Cookie Information".
Closing this banner clicking on 'Agree' and in any other way, or continuing to browse this website, you consent with the cookies usage.