Sabato 3 Dicembre 2016
Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

Metano su Marte? Nei meteoriti c'è!

Metano su Marte? Nei meteoriti c'è!
Credit: Michael S. Helfenbein

Se, da una parte, i picchi atmosferici di metano su Marte suscitano ancora perplessità, un team internazionale di scienziati è riuscito ad individuare tracce del gas all'interno dei meteoriti provenienti dal Pianeta Rosso.

I ricercatori hanno esaminato i campioni prelevati da sei diversi esemplari di origine vulcanica, partendo dal presupposto che i meteoriti devono aver bloccato al loro interno i gas con la stessa proporzione e composizione isotopica dell'atmosfera del pianeta, rappresentativa del momento in cui quelle rocce si sono formate.

Le analisi hanno avuto successo, analizzando con uno spettrometro di massa, la componente volatile liberata da ciascun campione per frantumazione.

Evidence for methane in Martian meteorites [abstract]

The putative occurrence of methane in the Martian atmosphere has had a major influence on the exploration of Mars, especially by the implication of active biology. The occurrence has not been borne out by measurements of atmosphere by the MSL rover Curiosity but, as on Earth, methane on Mars is most likely in the subsurface of the crust. Serpentinization of olivine-bearing rocks, to yield hydrogen that may further react with carbon-bearing species, has been widely invoked as a source of methane on Mars, but this possibility has not hitherto been tested. Here we show that some Martian meteorites, representing basic igneous rocks, liberate a methane-rich volatile component on crushing. The occurrence of methane in Martian rock samples adds strong weight to models whereby any life on Mars is/was likely to be resident in a subsurface habitat, where methane could be a source of energy and carbon for microbial activity.

La scoperta suggerisce la possibilità che il metano potrebbe essere utilizzato come fonte di cibo da forme rudimentali di vita sotto la superficie di Marte, così come accade sulla Terra in alcuni ambienti.

"Altri ricercatori saranno pronti a replicare questi risultati utilizzando strumenti di misurazione e tecniche alternative", ha detto il co-autore dello studio Sean McMahon, un post-dottorato presso il Dipartimento di Geologia e Geofisica alla Yale University. "I nostri dati saranno probabilmente utilizzati da astrobiologi in modelli ed esperimenti volti a comprendere se la vita è riuscita a sopravvivere sotto la superficie di Marte fino ad oggi".

"Uno dei sviluppi più interessanti nell'esplorazione di Marte è stata la scoperta del metano nell'atmosfera del pianeta", ha detto il professor John Parnell dell'Università di Aberdeen, che ha diretto il lavoro. "Missioni recenti e future NASA ed ESA, stanno indagando proprio questo aspetto, però ancora non è chiaro da dove il metano proviene e neppure se è davvero lì. Tuttavia, la nostra ricerca fornisce un forte indizio che le rocce su Marte contengono un grande serbatoio di metano" (ricorderete che anche i risultati di Curiosity erano stati recentemente messi in discussione! N.d.R.).

Il team, in ogni caso, ha intenzione di estendere l'analisi ad altri campioni e meteoriti per ulteriori prove.

McMahon della Yale ha osservato che l'approccio della squadra potrà rivelarsi utile in futuro per gli esperimenti condotti direttamente dai rover sulla superficie di Marte: "anche se il metano marziano non alimenta direttamente i microbi, può segnalare la presenza di un ambiente caldo, umido e chimicamente reattivo dove la vita potrebbe prosperare".

La ricerca è frutto di un progetto congiunto con l'Università di Aberdeen, in collaborazione con il Scottish Universities Environmental Research Centre, l'Università di Glasgow, la Brock University in Ontario e la University of Western Ontario.

Condividi e resta aggiornato!

Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Dal 2009 elaboro le immagini raw delle missioni spaziali insieme a Marco Faccin ed ho creato questo blog ad agosto 2012, in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte.
Per lavoro mi occupo di digital advertising, web e video analytics presso Shiny (SV – Italia) ma passo la maggior parte del tempo libero su questo sito e tra i cataloghi delle foto scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

Sito web: https://twitter.com/EliBonora
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Newsletter

I nostri articoli sono anche su Coelum Astronomia!

GRATIS E DIGITALE: leggilo ora!

Immagine del giorno

Mission log

AstroAppuntamenti

Dicembre 2016
L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31

Dal nostro album di Flickr

Meteo spaziale

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Aggiornato al 1 Dicembre.

Sole e Luna

Attività solare - Credit: SDO/HMI / spaceweather.com

Buchi coronali - Credit: SDO/AIA / spaceweather.com

SOHO LASCO C2 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

SOHO LASCO C3 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

Aurora - emisfero nord - Credit: NOAA/Ovation

Aurora - emisfero sud - Credit: NOAA/Ovation

CURRENT MOON

Aggregatore notizie RSS - BlogItalia - La directory italiana dei blog - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it

[IT] Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Per saperne di più o negare il consenso prendete visione dell'Informativa Estesa.
Chiudendo questo banner cliccando su 'Accetto' ed in qualunque altro modo, o proseguendo la navigazione su questo sito web, acconsentite al loro uso.
[EN] This site uses technical and third-party cookies, in order to improve services and experiences of our readers. If you want to know more or deny cookies exchange, please view "Cookie Information".
Closing this banner clicking on 'Agree' and in any other way, or continuing to browse this website, you consent with the cookies usage.