Sabato 10 Dicembre 2016
Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

Confermati pianeti in formazione intorno a HL Tau

Confermati pianeti in formazione intorno a HL Tau
Credit: ALMA (NRAO/ESO/NAOJ); C. Brogan, B. Saxton (NRAO/AUI/NSF)

Lo scorso anno l'ALMA (Atacama Large Millimeter/submillimeter Array) aveva catturato questa incredibile immagine di un sistema proto-planetario intorno alla stella HL Tau, simile al nostro Sole. La foto mostra quello che sembra essere un disco di polveri e gas, strutturato con una serie di brillanti anelli concentrici separati da molti gap (vuoti), generalmente segno di un processo di formazione planetaria ben avviato. 

Tuttavia, la scoperta aveva suscitato non poche perplessità perché HL Tau è una giovane stella che non ha più di un milione d'anni ed inoltre, le tre lacune esterne apparivano troppo vicine tra loro per ospitare dei pianeti.
Ora, però, sembrano esserci prove concrete.

La ricerca è stata guidata dal Dr Daniel Tamayo del Centre for Planetary Science all'Università di Toronto, Scarborough, e del Canadian Institute for Theoretical Astrophysics, secondo il quale gli spazi vuoti sarebberto in quella che lui stesso definisce "speciale configurazione di risonanza": in altre parole, questi pianeti prevengono eventuali collisioni violente grazie a specifici periodi orbitali che permettono loro di non scontrarsi per un soffio, un po' come Plutone ha evitato Nettuno per miliardi di anni, nonostante le due orbite si intersechino.
A dimostrazione di ciò, Tamayo ha preparato diverse simulazioni utilizzando corpi con masse simili a Saturno situati nei gap e giocando un po' con le loro posizioni.

In questo modo, il giovane sistema HL Tau, che ha un raggio di circa 17,9 miliardi di chilometri e si trova a 450 anni luce dalla Terra nella costellazione del Toro, può essere molto stabile secondo il Dr Tamayo.

"Abbiamo scoperto migliaia di pianeti attorno ad altre stelle ed è sorprendente che molte delle orbite sono molto più ellittiche di quelle trovate nel nostro Sistema solare", ha detto il Dr Tamayo e, quanto osservato da ALMA potrebbe essere la chiave per comprendere il collegamento tra questi mondi e le loro posizioni originali al momento della nascita.

Infatti, il Dr Tamayo è convinto che, nonostante la stabilità attuale, con il passare del tempo, il sistema diventerà una sorta di "bomba ad orologeria": alla fine i pianeti si disperderanno, ha spiegato, molti verranno espulsi lasciandone altri su orbite più ellittiche come quelle osservate attorno alle stelle più anziane, anche se il nostro Sistema Solare non sembra aver subito eventi così catastrofici.

Dynamical Stability of Imaged Planetary Systems in Formation: Application to HL Tau [abstract]

A recent ALMA image revealed several concentric gaps in the protoplanetary disk surrounding the young star HL Tau. We consider the hypothesis that these gaps are carved by planets, and present a general framework for understanding the dynamical stability of such systems over typical disk lifetimes, providing estimates for the maximum planetary masses. We collect these easily evaluated constraints into a workflow that can help guide the design and interpretation of new observational campaigns and numerical simulations of gap opening in such systems. We argue that the locations of resonances should be significantly shifted in massive disks like HL Tau, and that theoretical uncertainties in the exact offset, together with observational errors, imply a large uncertainty in the dynamical state and stability in such disks. This presents an important barrier to using systems like HL Tau as a proxy for the initial conditions following planet formation. An important observational avenue to breaking this degeneracy is to search for eccentric gaps, which could implicate resonantly interacting planets. Unfortunately, massive disks like HL Tau should induce swift pericenter precession that would smear out any such eccentric features of planetary origin. This motivates pushing toward more typical, less massive disks. For a nominal non-resonant model of the HL Tau system with five planets, we find a maximum mass for the outer three bodies of approximately 2 Neptune masses. In a resonant configuration, these planets can reach at least the mass of Saturn. The inner two planets' masses are unconstrained by dynamical stability arguments.

Approfondimenti:
- http://www.dantamayo.com/hltau

Condividi e resta aggiornato!

Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Dal 2009 elaboro le immagini raw delle missioni spaziali insieme a Marco Faccin ed ho creato questo blog ad agosto 2012, in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte.
Per lavoro mi occupo di digital advertising, web e video analytics presso Shiny (SV – Italia) ma passo la maggior parte del tempo libero su questo sito e tra i cataloghi delle foto scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

Sito web: https://twitter.com/EliBonora
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Newsletter

I nostri articoli sono anche su Coelum Astronomia!

GRATIS E DIGITALE: leggilo ora!

Immagine del giorno

Mission log

AstroAppuntamenti

Dicembre 2016
L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31

Dal nostro album di Flickr

Meteo spaziale

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Aggiornato al 8 Dicembre.

Sole e Luna

Attività solare - Credit: SDO/HMI / spaceweather.com

Buchi coronali - Credit: SDO/AIA / spaceweather.com

SOHO LASCO C2 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

SOHO LASCO C3 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

Aurora - emisfero nord - Credit: NOAA/Ovation

Aurora - emisfero sud - Credit: NOAA/Ovation

CURRENT MOON

Aggregatore notizie RSS - BlogItalia - La directory italiana dei blog - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it

[IT] Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Per saperne di più o negare il consenso prendete visione dell'Informativa Estesa.
Chiudendo questo banner cliccando su 'Accetto' ed in qualunque altro modo, o proseguendo la navigazione su questo sito web, acconsentite al loro uso.
[EN] This site uses technical and third-party cookies, in order to improve services and experiences of our readers. If you want to know more or deny cookies exchange, please view "Cookie Information".
Closing this banner clicking on 'Agree' and in any other way, or continuing to browse this website, you consent with the cookies usage.