Lunedì 5 Dicembre 2016
Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

Il riscaldamento della corona solare? Colpa dei nanoflare

La zona, in bianco, esaminata da EUNIS, sovrapposta ad un'immagine SDO. La luce è stata poi seprata in varie lunghezze d'onda, come illustrato nelle immagini a sinistra e a destra.
La zona, in bianco, esaminata da EUNIS, sovrapposta ad un'immagine SDO. La luce è stata poi seprata in varie lunghezze d'onda, come illustrato nelle immagini a sinistra e a destra. Credits: NASA / EUNIS / SDO

La superficie del Sole è straordinariamente calda e la sua temperatura si aggira tra i 5.500°C ed i 6.000°C ma la sua atmosfera è 300 volte più calda e questo è ancora un mistero per gli scienziati che studiano la nostra stella. Normalmente, infatti, quando ci si allontana da una sorgente di calore, l'ambiente diventa più fresco, mentre, in questo caso, succede esattamente l'opposto.

Nuove evidenze, ora suggeriscono che il meccanismo di riscaldamento dipende da regolari ma intermittenti scoppi esplosivi di calore, piuttosto che da un continuo riscaldamento graduale. Questa ipotesi è stata presentata nel corso di una conferenza stampa ieri, 28 aprile, in occasione dell'icontro Triennial Earth-Sun Summit (TESS), ad Indianapolis, Indiana.

Quattro i ricercatori intervenuti.
Jim Klimchuk, scienziato solare del Goddard Space Flight Center della NASA di Greenbelt, nel Maryland, ha illustrato le nuove prove a sostegno che l'atmosfera solare, la corona, è riscaldata da piccole esplosioni chiamate nanoflare (nanobrillamenti). Questi sono scoppi impulsivi che raggiungono singolarmente temperature incredibilmente calde, circa 10 milioni di gradi Kelvin (9.999.727ºC), un valore ancora più alto rispetto alla temperatura media della corona.

"Le esplosioni sono chiamate nanoflare perché hanno un miliardesimo dell'energia di un flate regolare", ha detto Klimchuk. "Nonostante siano piccoli per gli standard solari, ognuno racchiude la forza di una bomba all'idrogeno da 10 megatoni. Milioni di loro emergono ogni secondo dal Sole e collettivamente riscaldano la corona".

Le prime testimonianze della presenza di questo plasma super caldo sono state presentate da Adrian Daw, scienziato solare del Goddard e ricercatore principale del Extreme Ultraviolet Normal Incidence Spectrograph (EUNIS), un razzo che raccolse un'istantanea della corona solare. EUNIS volò 15 minuti a dicembre 2013, dotato di uno spettrografo sintonizzato su una gamma di lunghezze d'onda utili per individuare il materiale a temperature di 10 milioni di gradi Kelvin, le temperature dei nanoflare. Lo spettrografo rilevò questo materiale estremamente caldo nelle regioni che, invece, sembravano tranquille.

Iain Hannah, astrofisico presso l'Università di Glasgow, in Scozia, ha parlato dei risultati di Nuclear Spectroscopic Telescope Array (NuSTAR) che in genere esamina i raggi X emessi da stelle lontane o da buchi neri ma che, tuttavia, è anche in grado di osservare la luce molto brillante del Sole, qualcosa che la maggior parte degli osservatori astronomici non riesce a fare.

"I raggi X sono una sonda diretta nei processi ad alta energia del Sole", ha detto Hannah.
NUSTAR ha visto i raggi X che sono le firme del plasma super caldo in regioni non attive.

In ultimo, Stephen Bradshaw, astrofisico solare alla Rice University di Houston, in Texas, ha presentato un sofisticato modello computazionale utilizzato per dimostrare perché avvistare le firme dei nanoflare è stato così difficile e come le nuove prove aiuteranno i ricercatori nello studio del riscaldamento della corona solare.

Press release:
- http://www.nasa.gov/feature/goddard/sounding-rockets/strong-evidence-for-coronal-heating-theory-presented-at-2015-tess-meeting

Condividi e resta aggiornato!

Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Dal 2009 elaboro le immagini raw delle missioni spaziali insieme a Marco Faccin ed ho creato questo blog ad agosto 2012, in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte.
Per lavoro mi occupo di digital advertising, web e video analytics presso Shiny (SV – Italia) ma passo la maggior parte del tempo libero su questo sito e tra i cataloghi delle foto scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

Sito web: https://twitter.com/EliBonora
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Newsletter

I nostri articoli sono anche su Coelum Astronomia!

GRATIS E DIGITALE: leggilo ora!

Immagine del giorno

Mission log

AstroAppuntamenti

Dicembre 2016
L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31

Dal nostro album di Flickr

Meteo spaziale

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Aggiornato al 4 Dicembre.

Sole e Luna

Attività solare - Credit: SDO/HMI / spaceweather.com

Buchi coronali - Credit: SDO/AIA / spaceweather.com

SOHO LASCO C2 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

SOHO LASCO C3 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

Aurora - emisfero nord - Credit: NOAA/Ovation

Aurora - emisfero sud - Credit: NOAA/Ovation

CURRENT MOON

Aggregatore notizie RSS - BlogItalia - La directory italiana dei blog - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it

[IT] Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Per saperne di più o negare il consenso prendete visione dell'Informativa Estesa.
Chiudendo questo banner cliccando su 'Accetto' ed in qualunque altro modo, o proseguendo la navigazione su questo sito web, acconsentite al loro uso.
[EN] This site uses technical and third-party cookies, in order to improve services and experiences of our readers. If you want to know more or deny cookies exchange, please view "Cookie Information".
Closing this banner clicking on 'Agree' and in any other way, or continuing to browse this website, you consent with the cookies usage.