Mercoledì 7 Dicembre 2016
Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

Pittura di cometa

Test di laboratorio che riproducono la superficie di Mercurio.
Test di laboratorio che riproducono la superficie di Mercurio. Credit: NASA/Ames/Brown Unviersity

La superficie di Mercurio, scura e poco riflettente, è stata a lungo un mistero per gli scienziati ma, secondo uno studio pubblicato sulla rivista Nature Geoscience, sarebbe il risultato di un'incipriata costante di carbonio, proveniente da micro impatti meteorici.

Darkening of Mercury's surface by cometary carbon [abstract]

Mercury’s surface is darker than that of the Moon. Iron-bearing minerals and submicroscopic metallic iron produced by space weathering are the primary known darkening materials on airless bodies. Yet Mercury’s iron abundance at the surface is lower than the Moon’s; another material is therefore likely to be responsible for Mercury’s dark surface. Enhanced darkening by submicroscopic metallic iron particles under intense space weathering at Mercury’s surface is insufficient to reconcile the planet’s low reflectance with its low iron abundance. Here we show that the delivery of cometary carbon by micrometeorites provides a mechanism to darken Mercury’s surface without violating observational constraints on iron content. We calculate the micrometeorite flux at Mercury and numerically simulate the fraction of carbonaceous material retained by the planet following micrometeorite impacts. We estimate that 50 times as many carbon-rich micrometeorites per unit surface area are delivered to Mercury, compared with the Moon, resulting in approximately 3–6 wt% carbon at Mercury’s surface (in graphite, amorphous, or nanodiamond form). Spectroscopic analysis of products of hypervelocity impact experiments demonstrates that the incorporation of carbon effectively darkens and weakens spectral features, consistent with remote observations of Mercury. Carbon delivery by micrometeorites provides an explanation for Mercury’s globally low reflectance and may contribute to the darkening of planetary surfaces elsewhere.

Mercurio e la Luna sono corpi senza atmosfera e ciò li rende particolarmente soggetti ai micrometeoriti e al bombardamento del vento solare, processi che dovrebbero creare un sottile strato di nanoparticelle scure di ferro sulla superficie.
Tuttavia, Mercurio, nonostante i dati spettrali indichino uno scarso contenuto di ferro, è meno riflettente della Luna.

"E' stato a lungo ipotizzato che ci sia un misterioso agente oscurante che sta contribuendo alla bassa riflettenza di Mercurio", ha spiegato Megan Bruck Syal, ricercatrice al Lawrence Livermore National Laboratory (LLNL), in California, che ha condotto la ricerca. "Una cosa che non era stata considerata è che su Mercurio viene scaricato un sacco di materiale proveniente dalle comete", ha aggiunto.

Quando le comete si avvicinano a Mercurio e quindi al Sole, spesso è il momento in cui iniziano a dissolversi e così, la polvere cometaria investirebbe il pianeta.

Utilizzando un modello per la frequenza degli impatti e una stima del flusso di micrometeoriti, Bruck Syal è stata in grado di stimare quanto materiale è arrivato su Mercurio, quanto carbonio (sotto forma di grafite, o amorfo, o nanodiamanti) ha aderito alla sua superficie e quanto è stato gettato di nuovo nello spazio.
I suoi calcoli hanno suggerito che, dopo miliardi di anni di bombardamenti, la superficie di Mercurio dovrebbe essere ovunque dal 3 al 6 per cento di carbonio.

Successivamente, Bruck Syal ha determinato quanto oscuramento poteva essere prodotto da tutto quel carbonio arrivato sul pianeta.
I test si sono avvalsi dell’Ames Vertical Gun Range (AVGR) della NASA, una sorta di simulatore balistico per le collisioni celesti.

Gli esperimenti hanno dimostrato che le minuscole particelle di carbonio vengono profondamente incorporate nel materiale fuso dall'impatto e il processo è stato in grado di ridurre la quantità di luce riflessa del materiale del bersaglio a meno del 5 percento, che è circa lo stesso valore delle parti più scure di Mercurio.

Inoltre, durante le prove di laboratorio, l'analisi spettroscopica dei campioni non ha prodotto firme distintive, proprio come accade per Mercurio:
"ciò dimostra che il carbonio agisce come un agente di oscuramento stealth", ha detto Schultz. "Dal punto di vista spettrale, è come una vernice invisibile".

"Pensiamo che questo sia uno scenario da prendere in considerazione. Mercurio potrebbe essere un pianeta dipinto".

Condividi e resta aggiornato!

Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Dal 2009 elaboro le immagini raw delle missioni spaziali insieme a Marco Faccin ed ho creato questo blog ad agosto 2012, in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte.
Per lavoro mi occupo di digital advertising, web e video analytics presso Shiny (SV – Italia) ma passo la maggior parte del tempo libero su questo sito e tra i cataloghi delle foto scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

Sito web: https://twitter.com/EliBonora
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Newsletter

I nostri articoli sono anche su Coelum Astronomia!

GRATIS E DIGITALE: leggilo ora!

Immagine del giorno

Mission log

AstroAppuntamenti

Dicembre 2016
L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31

Dal nostro album di Flickr

Meteo spaziale

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Aggiornato al 7 Dicembre.

Sole e Luna

Attività solare - Credit: SDO/HMI / spaceweather.com

Buchi coronali - Credit: SDO/AIA / spaceweather.com

SOHO LASCO C2 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

SOHO LASCO C3 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

Aurora - emisfero nord - Credit: NOAA/Ovation

Aurora - emisfero sud - Credit: NOAA/Ovation

CURRENT MOON

Aggregatore notizie RSS - BlogItalia - La directory italiana dei blog - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it

[IT] Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Per saperne di più o negare il consenso prendete visione dell'Informativa Estesa.
Chiudendo questo banner cliccando su 'Accetto' ed in qualunque altro modo, o proseguendo la navigazione su questo sito web, acconsentite al loro uso.
[EN] This site uses technical and third-party cookies, in order to improve services and experiences of our readers. If you want to know more or deny cookies exchange, please view "Cookie Information".
Closing this banner clicking on 'Agree' and in any other way, or continuing to browse this website, you consent with the cookies usage.