Sabato 10 Dicembre 2016
Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

L'acqua perduta di Marte

L'acqua perduta di Marte
Credit: NASA/GSFC

Devo essere sincera. Qualche giorno fa, quando ho sentito parlare di un vasto oceano sul Marte primordiale, ho pensato dentro di me "ci risiamo, la solita storia" ed ho deciso di lasciare questo argomento da parte, per dare spazio ad altre notizie.
Ma proviamo a vedere insieme di cosa si tratta.

Di sicuro il documento, pubblicato sulla rivista Science, non è da sottovalutare perché stavolta a parlare sono direttamente gli scienziati della NASA che, osservando in infrarosso con i telescopi terrestri le firme dell'acqua nell'atmosfera di Marte, hanno stimato che in passato il pianeta deve aver ospitato un oceano contenente un volume d'acqua superiore a quello dell'Oceano Artico della Terra.
Ma se è vero che le onde lambirono i litorali marziani per più di 1,5 miliardi di anni, un tempo sufficiente affinché potesse svilupparsi la vita, ciò solleva il consueto interrogativo del perché e come tutta questa acqua ha abbandonato la superficie, trasformando Marte nel mondo polveroso che vediamo oggi.

"Il nostro studio fornisce una solida stima di quanta acqua c'era una volta su Marte, per determinare la quantità di acqua che è stata persa nello spazio", ha detto Geronimo Villanueva, scienziato del Goddard Space Flight Center della NASA, a Greenbelt, Maryland, autore principale del documento. "Con questo lavoro possiamo comprendere meglio la storia dell'acqua di Marte".

Strong water isotopic anomalies in the martian atmosphere: Probing current and ancient reservoirs [abstract]

We measured maps of atmospheric water (H2O) and its deuterated form (HDO) across the martian globe, showing strong isotopic anomalies and a significant high D/H enrichment indicative of great water loss. The maps sample the evolution of sublimation from the north polar cap, revealing that the released water has a representative D/H value enriched by a factor of about 7 relative to Earth’s ocean (VSMOW). Certain basins and orographic depressions show even higher enrichment, while high altitude regions show much lower values (1 to 3 VSMOW). Our atmospheric maps indicate that water ice in the polar reservoirs is enriched in deuterium to at least 8 VSMOW, which would mean that early Mars (4.5 billion years ago) had a global equivalent water layer at least 137 meters deep.

Nonostante in questo momento ci siano ben sette missioni attive sul Pianeta Rosso, tra sonde in orbita e rover di superficie, questi risultati arrivano dai tre più potenti telescopi infrarossi terrestri: il Very Large Telescope (VLT) dell'European Southern Observatory in Cile e dal W.M. Keck Observatory e dall'Infrared Telescope Facility della NASA alle Hawaii.
Le osservazioni si basano sulle firme di due diverse forme di acqua presenti nell'atmosfera del pianeta: il familiare H2O e una sua variazione, HDO, la cosiddetta "acqua pesante" in cui un atomo di idrogeno è sostituito da un suo isotopo più pesante chiamato deuterio.

Confrontando il rapporto tra HDO e H2O nel Marte di oggi con quello bloccato all'interno dei meteoriti marziani di 4,5 miliardi di anni fa, gli scienziati hanno potuto misurare i cambiamenti atmosferici della storia del pianeta e valutare quanta acqua deve essere fuggita nello spazio.

Il team ha mappato i livelli di queste due forme di acqua nel corso di 6 anni terrestri (circa 3 anni marziani), dal 2008 al 2014, con particolare attenzione alle regioni polari, zone già note per conservare il più grande serbatoio di acqua marziana, risalente al periodo Noachiano che si è concluso 3,7 miliardi di anni fa.

Le nuove "mappe dell'acqua" hanno mostrato come il rapporto acqua ordinaria e pesante varia in tutto il pianeta, in base alla posizione ed alla stagione, mostrando che proprio le calotte polari sono particolarmente ricche di deuterio.

Marte - mappa HDO

Le mappe mostrano la distribuzione di H20 e HDO (acqua pesante) in tutto il pianeta.
Credit: NASA / GSFC

Sulla Terra, il rapporto in acqua del deuterio rispetto all'idrogeno è 1 a 3.200, mentre nelle calotte polari di Marte è 1 a 400.
Questo è un chiaro segno che l'idrogeno, elemento più leggero, si è perso lentamente nello spazio. Conoscendo questi dati, gli scienziati hanno potuto calcolare quanta acqua doveva essere presente sul giovane pianeta... davvero molta!

Circa 4,3 miliardi di anni fa, Marte aveva acqua sufficiente a coprire tutta la superficie con uno strato liquido profondo circa 137 metri ma molto probabilmente, l'acqua era concentrata nell'emisfero settentrionale, in un oceano che in alcuni punti, poteva essere profondo fino a 1,6 chilometri.

Di tutta questa acqua, solo il 13% sarebbe rimasta sul pianeta, per lo più conservata nelle regioni polari, mentre l'87% sarebbe andata persa nello spazio. Ciò implica che Marte deve aver perso un volume 6,5 volte maggiore di quello rimasto intrappolato.

Sulla base della morfologia attuale, il mare si sarebbe esteso nelle attuali pianure del nord, ideali come fondale oceanico ed avrebbe coperto il 19% della superficie del pianeta (in confronto l'Oceano Atlantico occupa il 17% della superficie terrestre).

Tuttavia, bisogna ricordare che sulla topografia attuale di Marte ancora si discute.
Infatti, se è vero che spesso le immagini orbitali sembrano confermare tracce di antichi mari e delta, alcune caratteristiche come l'eccessiva variazione in altitudine dei litorali hanno creato diverse perplessità interpretative. Tale risultato sarebbe giustificato dalle variazioni dell'inclinazione dell'asse di rotazione del pianeta subite nel corso di milioni di anni. Queste, non solo avrebbero causato una risposta elastica della litosfera che, quindi, si sarebbe deformata creando le linee di costa poco uniformi che vediamo oggi, ma avrebbe anche causato la vaporizzazione dell'acqua e la successiva formazione dei principali depositi di ghiaccio.

"Il pianeta molto probabilmente è stato bagnato per un periodo di tempo più lungo di quanto si pensasse, suggerendo che avrebbe avuto un tempo sufficiente per ospitare la vita", ha detto Michael Mumma, scienziato senior presso Goddard e secondo autore dello studio.

Condividi e resta aggiornato!

Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Dal 2009 elaboro le immagini raw delle missioni spaziali insieme a Marco Faccin ed ho creato questo blog ad agosto 2012, in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte.
Per lavoro mi occupo di digital advertising, web e video analytics presso Shiny (SV – Italia) ma passo la maggior parte del tempo libero su questo sito e tra i cataloghi delle foto scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

Sito web: https://twitter.com/EliBonora
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Newsletter

I nostri articoli sono anche su Coelum Astronomia!

GRATIS E DIGITALE: leggilo ora!

Immagine del giorno

Mission log

AstroAppuntamenti

Dicembre 2016
L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31

Dal nostro album di Flickr

Meteo spaziale

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Aggiornato al 10 Dicembre.

Sole e Luna

Attività solare - Credit: SDO/HMI / spaceweather.com

Buchi coronali - Credit: SDO/AIA / spaceweather.com

SOHO LASCO C2 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

SOHO LASCO C3 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

Aurora - emisfero nord - Credit: NOAA/Ovation

Aurora - emisfero sud - Credit: NOAA/Ovation

CURRENT MOON

Aggregatore notizie RSS - BlogItalia - La directory italiana dei blog - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it

[IT] Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Per saperne di più o negare il consenso prendete visione dell'Informativa Estesa.
Chiudendo questo banner cliccando su 'Accetto' ed in qualunque altro modo, o proseguendo la navigazione su questo sito web, acconsentite al loro uso.
[EN] This site uses technical and third-party cookies, in order to improve services and experiences of our readers. If you want to know more or deny cookies exchange, please view "Cookie Information".
Closing this banner clicking on 'Agree' and in any other way, or continuing to browse this website, you consent with the cookies usage.