Lunedì 29 Maggio 2017
Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

#lostinspace: ritrovata la sonda indiana Chandrayaan-1

Una ricostruzione della telemetria di Chandrayaan-1 nel momento in cui è stata rilevata dal radar di Goldstone. Il cerchio viola rappresenta la larghezza del fascio radar; il grafico in alto a destra mostra la potenza dell'eco.
Una ricostruzione della telemetria di Chandrayaan-1 nel momento in cui è stata rilevata dal radar di Goldstone. Il cerchio viola rappresenta la larghezza del fascio radar; il grafico in alto a destra mostra la potenza dell'eco. Crediti: NASA/JPL-Caltech

Utilizzando una nuova tecnica, la NASA è riuscita ad individuare la sonda indiana Chandrayaan-1, rimasta alla deriva in orbita attorno alla Luna dal 2009.

Il rilevamento è stato possibile grazie all'antenna da 70 metri del Goldstone Deep Space Communications Complex in California che ha inviato un potente fascio di microonde verso la Luna. Gli echi radar hanno poi rimbalzato dall'orbita lunare al telescopio da 100 metri Green Bank, nella Virginia occidentale.
"Siamo stati in grado di rilevare il Lunar Reconnaissance Orbiter [LRO] e Chandrayaan-1 dell'Indian Space Research Organization, entrambi in orbita lunare, con radar terrestri", ha detto Marina Brozovic, a capo del test.
"La ricerca di LRO è stata relativamente facile dato che si trovava in un'orbita nota; Chandrayaan-1 ha richiesto un po' più di lavoro perché l'ultimo contatto con la sonda risale ad agosto 2009".

Rintracciare un veicolo spaziale o specifici detriti nell'orbita terrestre è un buon esercizio tecnologico ma rintracciare una sonda a 380.000 chilometri di distanza è una vera sfida, soprattutto se si considera che Chandrayaan-1 è una piccola navicella di soli 1,5 metri per lato. Di conseguenza, sebbene questa tecnica radar venisse già usata per scovare piccoli asteroidi a milioni di chilometri di distanza dalla Terra, gli scienziati non erano certi che funzionasse con un corpo di tali ridotte dimensioni e distante quanto la Luna. Chandrayaan-1 si è rivelata l'obiettivo perfetto, abbandonata per anni attorno al nostro satellite dove le cosiddette mascons (mass concentration regions), regioni caratterizzate da una forte attrazione gravitazionale, ne avrebbero modificato sensibilmente l'orbita nel corso del tempo.

I calcoli del JPL indicavano che la sonda indiana doveva ancora essere in orbita polare a circa 200 chilometri di altitudine. Così, il 2 luglio 2016, i team Goldstone e Green Bank si misero in attesa sopra il polo nord della Luna aspettando che il veicolo spaziale perso nello spazio attraversasse il fascio radar. Durante quattro ore di osservazione, per due volte, un qualcosa che aveva la parvenza di una piccola navicella passò sotto gli occhi delle squadre, impiegando il giusto tempo che sarebbe servito a Chandrayaan-1 per compiere un'orbita completa e tornare nella stessa posizione.

Gli echi radar della sonda sono stati ottenuti più di sette volte nell'arco di tre mesi ed in perfetto accordo con le nuove previsioni orbitali, ulteriormente confermate dalle osservazioni di follow-up dell'Osservatorio di Arecibo a Porto Rico.

Altre info su questo post:

Condividi e resta aggiornato!

Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
In cerca di una nuova occupazione, negli ultimi anni mi sono occupata di digital advertising, web e video analytics.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

Sito web: https://twitter.com/EliBonora
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Newsletter

I nostri articoli sono anche su Coelum Astronomia!

GRATIS E DIGITALE: leggilo ora!

Immagine del giorno

Mission log

AstroAppuntamenti

Maggio 2017
L M M G V S D
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31

Dal nostro album di Flickr

Meteo spaziale

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Aggiornato al 28 Maggio.

Sole e Luna

Attività solare - Credit: SDO/HMI / spaceweather.com

Buchi coronali - Credit: SDO/AIA / spaceweather.com

SOHO LASCO C2 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

SOHO LASCO C3 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

Aurora - emisfero nord - Credit: NOAA/Ovation

Aurora - emisfero sud - Credit: NOAA/Ovation

CURRENT MOON

Aggregatore notizie RSS - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it

[IT] Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Per saperne di più o negare il consenso prendete visione dell'Informativa Estesa.
Chiudendo questo banner cliccando su 'Accetto' ed in qualunque altro modo, o proseguendo la navigazione su questo sito web, acconsentite al loro uso.
[EN] This site uses technical and third-party cookies, in order to improve services and experiences of our readers. If you want to know more or deny cookies exchange, please view "Cookie Information".
Closing this banner clicking on 'Agree' and in any other way, or continuing to browse this website, you consent with the cookies usage.