Sabato 10 Dicembre 2016
Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

Terzo successo della SpaceX: il primo stadio del Falcon 9 centra la nave drone

SpaceX: atterraggio sulla nave-drone, 27 maggio 2016.
SpaceX: atterraggio sulla nave-drone, 27 maggio 2016.

La SpaceX ce la fa ancora. Il 27 maggio, in occasione del lancio del satellite per le telecomunicazioni Thai ed il suo trasferimento in orbita geostazionaria (GTO, geostationary transfer orbit), il primo stadio del Falcon 9 è atterrato con successo 9 minuti più tardi sulla nave-drone "Of Course I Still Love You", 680 chilometri al largo delle coste della Florida nell'Oceano Atlantico.

Il lancio è avvenuto dallo Space Launch Complex 40 della Cape Canaveral Air Force Station, in Florida, alle 21:40 GMT.
Dopo 2,5 minuti i due stadi del razzo si sono separati ed il primo ha iniziato le accensioni per tornare sulla Terra.

SpaceX lancio 27 maggio 2016

Crediti: SpaceX

Questa volta il successo non era affatto a portata di mano: l'orbita geostazionaria è piuttosto lontano dalla Terra ed il rientro del Falcon 9, quindi, è stato "caldo e veloce", ha commentato la SpaceX via Twitter.

"Rocket landing speed was close to design max & used up contingency crush core, hence back & forth motion. Prob ok, but some risk of tipping", ha commentato Elon Musk, CEO fondatore della SpaceX, su Twitter.

Dopo il primo atterraggio riuscito sulla terraferma a dicembre 2015, questo successo è il terzo in mare, dopo l'invio della Dragon verso la ISS del 16 aprile 2016 ed il lancio del satellite giapponese per le comunicazioni JCSAT-14 del 6 maggio. Il primo, però, era avvenuto a velocità molto più basse: il cargo, infatti, era stato spinto nella bassa orbita terrestre a circa 386 chilometri di quota, contro i 35.800 chilometri dell'orbita geostazionaria.

La SpceX non è sola compagnia a puntare ad una tecnologia riutilizzabile.
La Blue Origin, la società gestita dal fondatore di Amazon.com Jeff Bezos, ha lanciato e fatto atterrare con successo il suo razzio New Shepard dopo voli suborbitali, per tre volte da novembre 2015 di cui l'ultima il 3 aprile di quest'anno.

Altre info su questo post:

Condividi e resta aggiornato!

Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Dal 2009 elaboro le immagini raw delle missioni spaziali insieme a Marco Faccin ed ho creato questo blog ad agosto 2012, in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte.
Per lavoro mi occupo di digital advertising, web e video analytics presso Shiny (SV – Italia) ma passo la maggior parte del tempo libero su questo sito e tra i cataloghi delle foto scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

Sito web: https://twitter.com/EliBonora
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

1 commento

  • Link al commento Claudio Costerni Domenica, 29 Maggio 2016 15:53 inviato da Claudio Costerni

    La frase di Elon Musk significa:

    "la velocità di atterraggio sarà molto vicina a quella limite di progetto nella quale interviene il "crush core" per il movimento di avanti-indietro [su-giù].
    Probabilmente andrà bene, tuttavia il rischio di ribaltamento c'è"
    -----
    Nel primo stadio c'è un unità deformabile di alluminio (il crush core) con una struttura a nido d'ape ed è utilizzata per ciascun attuatore telescopico delle gambe.
    Serve ad assorbire gli urti più forti nel momento del touch down quando la velocità è eccessiva. 
    Nel progetto di riutilizzo dei primi stadi del vettore Falcon 9, questo crush core è uno degli elementi facilmente sostituibili prima del volo successivo; se il primo stadio effettua un atterraggio troppo violento il crush core, assorbendo l'energia in eccesso, si deforma ed evita danni strutturali più importanti.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Newsletter

I nostri articoli sono anche su Coelum Astronomia!

GRATIS E DIGITALE: leggilo ora!

Immagine del giorno

Mission log

AstroAppuntamenti

Dicembre 2016
L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31

Dal nostro album di Flickr

Meteo spaziale

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Aggiornato al 10 Dicembre.

Sole e Luna

Attività solare - Credit: SDO/HMI / spaceweather.com

Buchi coronali - Credit: SDO/AIA / spaceweather.com

SOHO LASCO C2 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

SOHO LASCO C3 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

Aurora - emisfero nord - Credit: NOAA/Ovation

Aurora - emisfero sud - Credit: NOAA/Ovation

CURRENT MOON

Aggregatore notizie RSS - BlogItalia - La directory italiana dei blog - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it

[IT] Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Per saperne di più o negare il consenso prendete visione dell'Informativa Estesa.
Chiudendo questo banner cliccando su 'Accetto' ed in qualunque altro modo, o proseguendo la navigazione su questo sito web, acconsentite al loro uso.
[EN] This site uses technical and third-party cookies, in order to improve services and experiences of our readers. If you want to know more or deny cookies exchange, please view "Cookie Information".
Closing this banner clicking on 'Agree' and in any other way, or continuing to browse this website, you consent with the cookies usage.