Giovedì 8 Dicembre 2016
Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

La JAXA abbandona ASTRO-H (“Hitomi”): i detriti rientrano in atmosfera

Dopo un mese di tentativi per salvarlo, ieri l'Agenzia Spaziale Giapponese JAXA ha annunciato di dover rinunciare al satellite da quasi 300 milioni di dollari di dollari ASTRO-H. Stabilito che non è possibile ripristinare le funzioni della navicella, ora gli ingegneri si concentreranno sullo studio delle cause dell'anomalia.

Lanciato il 17 febbraio 2016 alle 9:45 ora italiana, dal Tanegashima Space Center nel sud-ovest del Giappone, ASTRO-H era un satellite dedicato alle osservazioni astronomiche, dotato di quattro telescopi in raggi X (due per gli Hard X-ray che opereranno tra i 500 e gli 80.000 elettronvolt e due per i Soft X-ray che operano tra i 300 e i 12.000 elettronvolt) e un rilevatore di raggi gamma (Soft Gamma-ray Detector, fra i 4.000 e i 600.000 elettronvolt). Dopo il lancio era stato ribattezzato Hitomi, che in giapponese significa occhio, pupilla.

Il 27 marzo, la JAXA dichiarava di non essere in grado di determinare lo stato di salute del satellite ma cosa realmente fosse successo era ancora da chiarire. In un primo momento sembrava che la navicella avesse impattato con dei detriti spaziali ma l'ipotesi fu successivamente smentita, fatto è che Hitomi era stato visto roteare instabile lungo la traiettoria. Le osservazioni radar ed ottiche avevano mostrato la presenza di cinque pezzi ma la JAXA confermò che solo due potevano appartenere al satellite. Nel mentre, a Terra, venivano ricevuti dei segnali intermittenti che facevano ben sperare, almeno fino a poco tempo fa.

Ora, invece, si legge nell'ultimo report:
- è molto probabile che i pannelli solari abbiano subito dei danni e si siano rotti nel punto di attacco dopo essere stati sottoposti a rotazione
- all'inizio speravamo in un recupero perché avevamo ricevuto diversi segnali da ASTRO-H dopo l'incidente ma alla fine abbiamo concluso che quei segnali non erano del nostro satellite "a causa delle differenze nelle frequenze come tecnologia".

Quest'ultima affermazione immagino significhi che i segnali ricevuti erano sulla frequenza attesa per Hitomi ma con modulazione diversa o con una diversa gestione dei dati contenuti e per questo non riconducibili al satellite.

Come riportato nel report del 1 aprile, il team aveva ricevuto quattro comunicazioni ma nessuna telemetria:

  • 26 marzo 23:49~23:52 (3 minuti) dall'Uchinoura Space Center (USC), 23:48~23:51 (3 minuti) all'University of Technology (KTU)
  • 27 marzo 01:23~01:27 (4 minuti) dall'Uchinoura Space Center (USC), 01:21~01:27 (6 minuti) all'University of Technology (KTU)
  • 28 marzo 22:06 (circa 10 secondi) dall'Uchinoura Space Center (USC)
  • 29 marzo 00:33 (circa 6 secondi) dal Santiago Tracking Station (SNT), segnale successivamente riconsiderato e scartato.

In una ulteriore nota si specificava anche che "nessun altro satellite era presente quando la JAXA ha ricevuto questi quattro segnali radio. E per questo l'Agenzia crede che i segnali provengano da Hitomi".

Dopo aver identificato quello che poteva essere il corpo principale, il satellite è stato tenuto sotto controllo e visto roteare ad alta velocità, probabilmente a causa di "un'anomalia nel sistema di controllo di assetto", si legge nel report dell'8 aprile. In tale situazione, le parti più vulnerabili come i pannelli solari e il banco ottico si sarebbero separate dal satellite.

Una ricostruzione dell'ingarbugliata sequenza di eventi è presente del report del 15 aprile:

  • il 26 marzo il satellite si è orientato correttamente verso un nucleo galattico attivo, come previsto;
  • dopo la manovra, un comportamento imprevisto del sistema di controllo dell'assetto (Attitude Control System, ACS) ha causato un errata interpretazione sulla rotazione di Hitomi, che in realtà non stava ruotando, attivando la ruota di reazione per un bilanciamento;
  • inoltre, la Magnetic Torquer dell'ACS, utilizzata per diminuire la quantità di moto della ruota di reazione, non ha funzionato correttamente per l'anomalia dell'ACS citata sopra;
  • trovandosi in una situazione critica, l'ACS è passato in modalità Safe Hold (SH) attivando i propulsori ai quali però sono stati forniti parametri sbagliati imprimendo al satellite una rotazione maggiore;
  • dato che la velocità di rotazione ha superato la resistenza strutturale di Hitomi, alcune parti come i pannelli solari, il banco ottico e probabilmente altre, si sono separate dal corpo principale.

Al 15 aprile, il Joint Space Operations Center (JSpOC) ha rilasciato la traiettoria relativa a ben 11 pezzi di ASTRO-H, compreso il più grande.
Due di questi, stanno rientrando e bruciando completamente in atmosfera in questi giorni, prima degli altri.
Secondo il sito satflare.com il detrito identificato con ID 41438 dovrebbe essere rientrato ieri, mentre l'ID 41443 è atteso per oggi.

Considerata la situazione evidentemente irrecuperabile, la JAXA ha rinunciato ad ogni tentativo dichiarando nell'ultimo comunicato stampa:

"Esprimiamo il più profondo rammarico per aver dovuto sospendere le operazioni ed estendiamo le nostre scuse più sincere a tutti coloro i quali hanno sostenuto ASTRO-H credendo nei risultati eccellenti che avrebbe portato, a tutti i partner esteri e nazionali tra cui la NASA e a tutti gli astrofisici stranieri e giapponesi che stavano progettando di usare i risultati osservativi per i loro studi".

Altre info su questo post:

Condividi e resta aggiornato!

Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Dal 2009 elaboro le immagini raw delle missioni spaziali insieme a Marco Faccin ed ho creato questo blog ad agosto 2012, in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte.
Per lavoro mi occupo di digital advertising, web e video analytics presso Shiny (SV – Italia) ma passo la maggior parte del tempo libero su questo sito e tra i cataloghi delle foto scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

Sito web: https://twitter.com/EliBonora
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Newsletter

I nostri articoli sono anche su Coelum Astronomia!

GRATIS E DIGITALE: leggilo ora!

Immagine del giorno

Mission log

AstroAppuntamenti

Dicembre 2016
L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31

Dal nostro album di Flickr

Meteo spaziale

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Aggiornato al 8 Dicembre.

Sole e Luna

Attività solare - Credit: SDO/HMI / spaceweather.com

Buchi coronali - Credit: SDO/AIA / spaceweather.com

SOHO LASCO C2 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

SOHO LASCO C3 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

Aurora - emisfero nord - Credit: NOAA/Ovation

Aurora - emisfero sud - Credit: NOAA/Ovation

CURRENT MOON

Aggregatore notizie RSS - BlogItalia - La directory italiana dei blog - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it

[IT] Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Per saperne di più o negare il consenso prendete visione dell'Informativa Estesa.
Chiudendo questo banner cliccando su 'Accetto' ed in qualunque altro modo, o proseguendo la navigazione su questo sito web, acconsentite al loro uso.
[EN] This site uses technical and third-party cookies, in order to improve services and experiences of our readers. If you want to know more or deny cookies exchange, please view "Cookie Information".
Closing this banner clicking on 'Agree' and in any other way, or continuing to browse this website, you consent with the cookies usage.