Giovedì 8 Dicembre 2016
Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

Continuano i test su Hedgehog, il cubo-rover per l'esplorazione di asteroidi e comete

Non fa ancora parte di una missione spaziale ma il team dell'Università di Stanford, guidato da Marco Pavone, assistente professore di aeronautica e astronautica, e Ben Hockman, studente laureato in ingegneria meccanica, sta facendo grandi progressi nella realizzazione di "Hedgehog", il cubo-robot progettato per muoversi in ambienti spaziali difficili come la superficie di una cometa o di un asteroide.

Il progetto, in collaborazione con il Jet Propulsion Laboratory (JPL) della NASA ed il Massachusetts Institute of Technology (MIT), aveva preso il via lo scorso anno con la realizzazione dei due primi prototipi.

Il robot "riccio" è un cubo con delle punte negli spigoli. Utilizza dei volani interni in rotazione o in frenata per dosare la propria potenza e nel caso in cui venisse sepolto da una montagna di sabbia, potrà eseguire una manovra "tornado" verso l'alto per liberarsi.
Le punte, che potrebbero contenere anche strumentazione scientifica, hanno la duplice funzione di proteggere il corpo del robot e di fungere da piedi mentre si muove sul terreno. Hedgehog potrà raggiungere grandi distanze saltando oppure brevi distanze rotolando da una faccia all'altra.

Hedgehog

"Le sfide in ambienti estremi con bassi livelli di gravità rendono l'atterraggio e l'esplorazione di piccoli corpi eccezionalmente difficile", ha dichiarao Pavone nel report. "Mentre un paio di veicoli spaziali sono entrati in contatto con asteroidi e comete, come ad esempio la missione Hayabusa della JAXA e la missione Rosetta dell'ESA, il loro successo è stato parziale. Nella migliore delle ipotesi i lander sono rimasti confinati nel luogo di atterraggio. Nessno di loro ha realmente fornito un'ampia esplorazione del corpo. E questo è quello che noi cerchiamo di fare".

L'obiettivo di Hedgehog è tramutare quello che potrebbe essere considerato uno svantaggio per la mobilità, e cioè la bassa gravità, in un requisito fondamentale per muoversi, utilizzando tecnologie già esistenti in modo nuovo e creativo.

Certo, i test a Terra non sono ottimali e richiedono complicati sistemi di carrucole e contrappesi per scaricare la gravità.
Per le prove sul campo, a giugno 2015, il robot è stato imbarcato su uno dei voli parabolici della NASA simulano un ambiente quasi senza peso. Nell'arco di quattro giorni, l'aereo ha simulato 200 intervalli di 20 secondi ciascuno con condizioni di gravità zero, durante i quali sono stati testati salti e torsioni su una varietà di superfici che un rover potrebbe incontrare su un asteroide.
"Stiamo ancora analizzando tutti i dati ma vedere saltare Hedgehog nella direzione giusta è stato rassicurante", ha detto Hockman.

Ora che le capacità di movimento del robot sono state provate con successo, il prossimo passo sarà rendere le sue decisioni indipendenti dal controllo umano. Hedgehog dovrà essere in grado di valutare la sua posizione e calcolare in autonomia i movimenti necessari per raggiungere un target o uscire da una situazione difficile.
"L'autonomia richiede un cervello che dica al robot dove si trova, dove deve andare e come arrivarci", ha detto Hockman. "A Stanford, stiamo sviluppando gli algoritmi di navigazione che permettono a Hedgehog di muoversi con intelligenza, assumendo nota la sua posizione. Il JPL sta affrontando il problema complementare: dato un piano operativo ed alcuni strumenti di rilevamento, come farà Hedgehog determinare dove si trova?"

In un vicino futuro il robot "riccio" potrebbe volare come payload secondario su una delle missioni per lo spazio profondo, esplorare le lune di Marte Fobos o Deimos, potrebbe essere il nostro scout in posti remoti per cercare risorse utilizzabili, aiutandoci a scoprire ancora di più sul nostro Sistema Solare.

Altre info su questo post:

Condividi e resta aggiornato!

Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Dal 2009 elaboro le immagini raw delle missioni spaziali insieme a Marco Faccin ed ho creato questo blog ad agosto 2012, in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte.
Per lavoro mi occupo di digital advertising, web e video analytics presso Shiny (SV – Italia) ma passo la maggior parte del tempo libero su questo sito e tra i cataloghi delle foto scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

Sito web: https://twitter.com/EliBonora
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Newsletter

I nostri articoli sono anche su Coelum Astronomia!

GRATIS E DIGITALE: leggilo ora!

Immagine del giorno

Mission log

AstroAppuntamenti

Dicembre 2016
L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31

Dal nostro album di Flickr

Meteo spaziale

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Aggiornato al 8 Dicembre.

Sole e Luna

Attività solare - Credit: SDO/HMI / spaceweather.com

Buchi coronali - Credit: SDO/AIA / spaceweather.com

SOHO LASCO C2 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

SOHO LASCO C3 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

Aurora - emisfero nord - Credit: NOAA/Ovation

Aurora - emisfero sud - Credit: NOAA/Ovation

CURRENT MOON

Aggregatore notizie RSS - BlogItalia - La directory italiana dei blog - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it

[IT] Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Per saperne di più o negare il consenso prendete visione dell'Informativa Estesa.
Chiudendo questo banner cliccando su 'Accetto' ed in qualunque altro modo, o proseguendo la navigazione su questo sito web, acconsentite al loro uso.
[EN] This site uses technical and third-party cookies, in order to improve services and experiences of our readers. If you want to know more or deny cookies exchange, please view "Cookie Information".
Closing this banner clicking on 'Agree' and in any other way, or continuing to browse this website, you consent with the cookies usage.