Sabato 3 Dicembre 2016
Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

Nuovi finestrini per l'Orion

Nuovi finestrini per l'Orion
Credit: NASA

Quando gli astronauti viaggeranno verso un asteroide o verso Marte dovranno poter godere di un bel panorama. Per questo motivo, gli ingegneri che stanno lavorando alla nuova capsula Orion, che donerà nuovamente agli Stati Uniti completa indipendenza nell'esplorazione spaziale, stanno riprogettando gli oblò in modo che siano strutturalmente validi, più leggeri e quindi meno costosi ed allo stesso tempo garantiscano una vista ad alta definizione.

Fino ad ora, sullo Space Shuttle o sulla Stazione Spaziale Internazionale, i finestrini sono stati realizzati con lastre di vetro.

"I vetri delle aperture sono stati da sempre parte integrante della scocca per mantenere in pressione la cabina ed in vita gli astronauti ed hanno anche fornito loro protezione termica durante il rientro in atmosfera", ha detto Lynda Estes, responsabile del sottosistema al Johnson Space Center della NASA a Houston. "Ma la cosa insidiosa sul vetro è che si tratta di un materiale strutturalmente povero. Se sottoposto a carichi, perde resistenza nel corso del tempo e se avviene un urto, la sua resistenza diminuisce drammaticamente. E il volo spaziale avviene in un ambiente che purtroppo può generare queste vulnerabilità".

Quindi, dato che il vetro non può essere di certo classificato come materiale ideale per una navicella spaziale, gli ingegneri sono andati alla ricerca di un'idea migliore.
Durante le prime fasi di progettazione della Orion, era stato preso in considerazione il policarbonato che tuttavia non ha qualità ottiche idonee. E' da tener presente, infatti, che qualsiasi componente viene posto tra il soggetto e l'hardware di ripresa, diventa un elemento ottico a tutti gli effetti, per il quale bisognar tener conto del parallelismo tra i piani, dell'omogeneità, dell'indice di rifrazione e così via. Il team, perciò, ha selezionato delle lastre acriliche, le stesse utilizzate dai grandi acquari, in grado di sopportare la spinta generata dall'acqua al loro interno e l'afflusso dei visitatori dall'esterno, che spesso si appoggiano insistentemente. Tale materiale offre una vista chiara ed una robustezza intrinseca che può essere quantificata.

Attualmente Orion ha quattro finestrini sul cono, ciascuno formato da tre lastre, ed altri supplementari verranno integrati sul portellone di attracco e sul portello laterale che verrà utilizzato dall'equipaggio. Le lastre acriliche hanno volato durante il primo volo di prova dell'Orion a dicembre 2014 e gli ingegneri hanno testato ulteriormente l'integrità termica quest'anno per determinare se Orion potrà avere dei finestrini formati da una lastra di vetro e due pannelli acrilici.

Orion immagine in infrarosso

Immagine in infrarosso del modulo Orion, galleggiante in acqua a largo di San Diego, dopo il volo di test di dicembre 2014.
Credit: NASA

Nei prossimi mesi Estes e il suo team metteranno nuovamente alla prova le lastre con un "creep test", valutando la loro risposta dopo averle sottoposte ad un carico per 270 giorni.

Finestrino della Orion sul banco di prova

Credits: Lynda Estes

Il lavoro svolto per integrare il materiale acrilico nei finestrini dell'Orion, aiuterà anche a rendere il veicolo spaziale più leggero e quindi ad abbassare i costi di missione.

Condividi e resta aggiornato!

Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Dal 2009 elaboro le immagini raw delle missioni spaziali insieme a Marco Faccin ed ho creato questo blog ad agosto 2012, in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte.
Per lavoro mi occupo di digital advertising, web e video analytics presso Shiny (SV – Italia) ma passo la maggior parte del tempo libero su questo sito e tra i cataloghi delle foto scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

Sito web: https://twitter.com/EliBonora
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Newsletter

I nostri articoli sono anche su Coelum Astronomia!

GRATIS E DIGITALE: leggilo ora!

Immagine del giorno

Mission log

AstroAppuntamenti

Dicembre 2016
L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31

Dal nostro album di Flickr

Meteo spaziale

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Aggiornato al 1 Dicembre.

Sole e Luna

Attività solare - Credit: SDO/HMI / spaceweather.com

Buchi coronali - Credit: SDO/AIA / spaceweather.com

SOHO LASCO C2 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

SOHO LASCO C3 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

Aurora - emisfero nord - Credit: NOAA/Ovation

Aurora - emisfero sud - Credit: NOAA/Ovation

CURRENT MOON

Aggregatore notizie RSS - BlogItalia - La directory italiana dei blog - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it

[IT] Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Per saperne di più o negare il consenso prendete visione dell'Informativa Estesa.
Chiudendo questo banner cliccando su 'Accetto' ed in qualunque altro modo, o proseguendo la navigazione su questo sito web, acconsentite al loro uso.
[EN] This site uses technical and third-party cookies, in order to improve services and experiences of our readers. If you want to know more or deny cookies exchange, please view "Cookie Information".
Closing this banner clicking on 'Agree' and in any other way, or continuing to browse this website, you consent with the cookies usage.