Domenica 23 Luglio 2017
Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

EmDrive: il motore impossibile forse è possibile

EmDrive: il motore impossibile forse è possibile
Crediti: NASA / AIAA

Finalmente, dopo mesi di speculazioni, a dicembre la NASA ha rilasciato un documento conclusivo sui test sull'EmDrive (Electromagnetic Drive), il motore a propulsione elettromagnetica che ci consentirebbe di arrivare su Marte in 70 giorni.

L'EmDrive, proposto per la prima volta nel 1999 dello scienziato britannico Roger Shawyer, è un sistema di propulsione unico che non usa i tradizionali propellenti.
Il suo punto di forza non è la velocità ma il peso perché non facendo uso di carburante, alleggerirebbe notevolmente i veicoli spaziali, soprattutto nei lunghi viaggi, permettendo di raggiungere agevolmente destinazioni lontane.

Utilizza energia elettromagnetica generata da fotoni nello spettro di frequenza delle microonde, saltellanti in una camera tronco-conica, per produrre una spinta senza espellere nulla e questo è un problema!
Sì, perché nel 1687, Isaac Newton pubblicò le tre leggi della dinamica alla base della meccanica classica e sembra che l'EmDrive violi la terza, conosciuta come principio di azione e reazione: "Per ogni forza che un corpo A esercita su di un altro corpo B, ne esiste istantaneamente un'altra uguale in modulo e direzione, ma opposta in verso, causata dal corpo B che agisce sul corpo A". I razzi tradizionali, ad esempio, rispettano questo assioma, espellendo propellente verso il basso per staccarsi da terra e salire verso l'alto ma nell'EmDrive i fotoni spingono in avanti il dispositivo senza che qualcosa fuoriesca dalla camera. Di conseguenza, in molti pensano che i risultati ottenuti siano in realtà causati da qualche errore sperimentale.

Nonostante le perplessità, sono tanti i gruppi di ricerca che da qualche anno conducono test sulla propulsione elettromagnetica.
Ora, uno studio pubblicato sulla rivista Journal of Propulsion and Power dell’American Institute of Aeronautics and Astronautics (Aiaa) da un team dei laboratori Eagleworks presso il Johnson Space Center della NASA, conferma che l'EmDrive funziona, fornendo una spinta nel vuoto con un rapporto di potenza di 1,2 ± 0,1 millinewton per kilowatt di energia (tanto per fare un confronto, le vele solari, che sono ugualmente una tecnologia propulsiva senza carburante, generano una spinta tra i 3,33 ed i 6,67 micronewton per kilowatt).

La novità rispetto agli studi precedenti è che questo ha superato il processo di peer-review, cioè è stato validato da studiosi indipendenti e ciò se non altro garantisce la correttezza del metodo e dei risultati.

La squadra dell'Eagleworks non ha studiato il funzionamento del motore, che è ancora incompreso, ma ne ha analizzato l'effetto. Tuttavia, coinvolgendo la meccanica quantistica, una delle idee è che le microonde di fotoni spingano contro un "plasma virtuale" formato da coppie di particelle ed antiparticelle prodotte e riassorbite quasi istantaneamente dal vuoto quantistico, la cui esistenza è comunque tutta da dimostrare. Ma dall'altra parta, sono gli stessi autori che nella pubblicazione citano nove possibili fonti di errore negli esperimenti che ci riportano con i piedi per terra e ben lontani dal poter scrivere la parola “fine”.

A confondere ancora di più le carte in tavole, è arrivata la Cina che a dicembre 2016 ha annunciato di avere una versione funzionante del motore quasi pronta all'uso. Il prototipo sarebbe in orbita, sulla Tiangong-2, per una serie di test sul campo.

Non ci resta che aspettare ancora e vedere come va a finire!

Altre info su questo post:

Condividi e resta aggiornato!

Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
In cerca di una nuova occupazione, negli ultimi anni mi sono occupata di digital advertising, web e video analytics.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

Sito web: https://twitter.com/EliBonora
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Newsletter

I nostri articoli sono anche su Coelum Astronomia!

GRATIS E DIGITALE: leggilo ora!

Immagine del giorno

Mission log

AstroAppuntamenti

Luglio 2017
L M M G V S D
1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31

Meteo spaziale

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Aggiornato al 21 Luglio.

Sole e Luna

Attività solare - Credit: SDO/HMI / spaceweather.com

Buchi coronali - Credit: SDO/AIA / spaceweather.com

SOHO LASCO C2 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

SOHO LASCO C3 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

Aurora - Europa - Credit: NOAA/Ovation

CURRENT MOON

Aggregatore notizie RSS - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it

[IT] Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Per saperne di più o negare il consenso prendete visione dell'Informativa Estesa.
Chiudendo questo banner cliccando su 'Accetto' ed in qualunque altro modo, o proseguendo la navigazione su questo sito web, acconsentite al loro uso.
[EN] This site uses technical and third-party cookies, in order to improve services and experiences of our readers. If you want to know more or deny cookies exchange, please view "Cookie Information".
Closing this banner clicking on 'Agree' and in any other way, or continuing to browse this website, you consent with the cookies usage.