Mercoledì 7 Dicembre 2016
Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

Curiosity: fallisce la trapanazione di Precipice

A poco più di un mese di distanza dal foro su Sebina, Curiosity ha tentato una nuova perforazione su un target chiamato Precipice ma qualcosa è andato storto. Ora, il rover è fermo, in attesa che il problema venga identificato e ne approfitta per studiare l'ambiente circostante. Leggi tutto

LA MISSIONE DI GAIA (quarta parte)

Gaia - rappresentazione artistica
Gaia - rappresentazione artistica Credits: ESA/ATG medialab; background image: ESO/S. Brunier Gaia Artist's Impression

La missione GAIA è una delle più ambiziose nel campo dell'astronomia spaziale ed è interamente europea, con un forte contributo italiano. Vediamo come è nata e come sta procedendo, dopo il lancio del 19 dicembre...

Nella precedente puntata abbiamo visto come è fatta GAIA e quali sono i suoi obiettivi principali. In realtà, le ricadute di questa missione coinvolgeranno buona parte dell'astrofisica, toccando anche temi di estrema attualità come la ricerca di pianeti extrasolari.

In questa ultima puntata, vedremo quali sono le implicazioni previste e accenneremo brevemente allo stato attuale della missione.

Oltre alla conoscenza diretta della popolazione stellare nella Via Lattea, sia in termini di distribuzione che di proprietà fisiche ed evoluzione, Gaia permetterà grandi progressi nello studio degli asteroidi, dei pianeti extrasolari, delle stelle variabili, delle stelle doppie, dell'evoluzione galattica, della scala delle distanze, delle galassie a noi vicine, dei quasar e degli effetti previsti dalla relatività generale (compreso il "microlensing"). Vediamo un paio di esempi.

GAIA e i pianeti extrasolari

Negli anni '60 l'astronomo olandese P. Van de Kamp annunciò di avere scoperto l'effetto della perturbazione gravitazionale dovuta ai pianeti in orbita alla stella di Barnard; in effetti, sia le stelle che i loro pianeti orbitano attorno al comune centro di massa e questo movimento dovrebbe provocare delle oscillazioni regolari nel moto proprio della stella. Questa presunta scoperta indiretta del primo sistema planetario esterno al nostro fu poi confutata, ma il principio è valido e una sua variante, basata sulla perturbazione alla velocità radiale ovvero al moto longitudinale anzichè trasversale alla linea di vista, è stata poi realmente utilizzata per scoprire i primi veri sistemi planetari, circa 20 anni fa. A questo metodo si è poi aggiunto quello dei transiti stellari (la missione Kepler ne è l'esempio più famoso), ma l'idea originale di Van De Kamp potrebbe diventare davvero uno dei sistemi più fruttuosi grazie a GAIA! 

Moto apparente

Nel grafico qui sopra (tratto dall'articolo di Perryman, vedi sitografia alla fine) è simulata la traiettoria di una stella soggetta alla combinazione di 3 moti: moto proprio (linea a tratti lunghi) + parallasse annuale (linea finemente tratteggiata) + perturbazione a opera di un pianeta (linea contina); la posizione del pianeta in varie epoche è evidenziata dai cerchietti vuoti. Grazie all'elevata precisione e alle frequenti osservazioni, Gaia dovrebbe essere in grado di rivelare svariate migliaia di pianeti attorno alle stelle più vicine (entro 200 pc) e migliorare la conoscenza di altrettanti di pianeti già noti.

GAIA e la relatività

Il famoso effetto di deviazione dei raggi luminosi, previsto da Einstein ed effettivamente osservato da Sir Arthur Eddington, nel sistema solare è stato finora osservato solo nei pressi del Sole. Ebbene, Gaia dovrebbe essere capace di rivelarlo anche dietro ai pianeti e alla Luna, come evidenziato nella seguente mappa simulata; la macchia più grande è dovuta alla gravità della Terra, quella immediatamente a sinistra è Giove mentre quella più a destra Saturno. Si noti che l'effetto del Sole è stato cancellato perchè, essendo molto più grande anche a grande distanza angolare, avrebbe cancellato gli altri (il Sole, visto da Gaia, è sempre prospetticamente vicino alla Terra).

Gaia

Credits : Jos de Bruijne (vedi sitografia alla fine)

Dopo la formulazione della Relatività Generale, altri hanno elaborato una famiglia di teorie alternative e molte di esse sono compatibili con le osservazione finora effettuate. In particolare, esse differiscono per un insieme di parametri (Parameterized Post Newtonian o PPN) e due di questi parametri verranno stimati con precisione grazie alle misure di parallasse di Gaia. Il parametro β misura il grado di linearità nella sovrapposizione dei campi gravitazionali mentre γ si riferisce al grado di curvatura dello spazio-tempo e, di conseguenza, all'angolo di deviazione della luce da parte della gravità del Sole. La precisione attesa nella determinazione di quest'ultimo parametro è dell'ordine di 1·10-6, circa 5 volte inferiore alle migliori misure attuali e sufficiente per scartare (o convalidare) alcune delle teorie alternative tuttora valide.

GravitationPPN

Geometria dell'effetto di parallasse e della deviazione relativistica della luce osservate da Gaia, in funzione della distanza angolare dal Sole. Credit: ESA - DPAC

Il viaggio di Gaia

Dopo il lancio dalla base europea di Kourou, Gaia si è diretta verso la sua destinazione, il "punto di librazione lagrangiana" L2. Nella teoria che descrive il moto di un corpo attorno a un altro molto più massiccio (Terra e Sole, nello specifico), questo è uno dei 5 punti in cui un un terzo corpo di massa trascurabile può rimanere in equilibrio stazionario, più o meno stabile, rispetto agli altri due. Il punto L2, in particolare, è situato sul prolungamento del segmento Sole-Terra, a circa 1.5 milioni di km da quest'ultima. Si tratta di una posizione decisamente remota, circa 4 volte la distanza della Luna, ma che consente una eccellente stabilità termica e meccanica, necessaria per il lavoro di Gaia. Nella stessa regione, in passato, hanno lavorato i satelliti per lo studio del fondo cosmico di microonde (missioni WMAP e PLANK) e anche il telescopio infrarosso europeo Herchel. Dopo un mese di viaggio, Gaia è giunta a destinazione e ha cominciato a disegnare delle ampie "orbite" attorno a questo punto di equilibrio; questo le evita di entrare nel cono di penombra, in cui il Sole apparirebbe eclissato parzialmente dalla Terra. Solo così si riescono a garantire condizioni di illuminazione e di temperatura stabili, cosa necessaria per avere una costante produzione di energia dai pannelli solari e, soprattutto, una elevata riproducibilità e affidabilità delle misure.

trip 

Ultimi sviluppi (e problemi) della missione

Essendo il punto L2 decisamente lontano dalla Terra, un eventuale malfunzionamento di Gaia potrebbe avere un impatto catastrofico sulla missione poichè non sarebbe possibile raggiungerla con una navetta spaziale come si è fatto più volte col telescopio Hubble, situato in orbita bassa. In effetti, durante la fase iniziale di "commissariamento" dello strumento, in cui si verifica il corretto funzionamento di tutti i componenti, si sono scoperti alcuni problemi tecnici ma, per fortuna, nessuno di essi è tale da compromettere seriamente la missione.

Il problema più serio riguarda un eccesso di "chiarore diffuso" che raggiunge i sensori nel piano focale; a quanto pare, si tratta di una "infiltrazione" di luce, in parte proveniente dal Sole (nonostante l'enorme parasole di 10m, dispiegato poco dopo il lancio) e in parte da altre sorgenti celesti luminose; un ruolo fondamentale nella diffusione di questi raggi lo gioca un accumulo di ghiaccio nella parte superiore del rivestimento termico, il "soffitto" del satellite. Purtroppo, nessuno aveva previsto un simile problema e in quella zona non sono installate le resistenze elettriche che potrebbero aiutare a sciogliere il ghiaccio (come invece si è fatto per le ottiche). Per risolvere il problema, è stato proposto di cambiare l'assetto di Gaia e far entrare la luce diretta del Sole, in modo da sublimare il ghiaccio; l'operazione però è stata considerata troppo rischiosa e di esito dubbio, quindi annullata.
Anche se ci si sta ancora lavorando, il problema è serio ma non è drammatico: l'aumento di rumore nelle misure (dovuto alla mancanza di buio totale) andrà comunque ad impattare solo la precisione delle misure sulle stelle più deboli; ad esempio, si stima che la precisione astrometrica su una stella di tipo solare di magnitudine 20 peggiorerà del 50%, passando da 0.29 a 0.43 mas. La precisione delle misure fatte invece su stelle relativamente luminose non cambierà in modo sostanziale (25 μsec per la magnitudine 15) e questo garantirà il successo di molte indagini di importanza critica... di sicuro, però, l'accuratezza della prevista "mappa tridimensionale" della Via Lattea ne risentirà, soprattutto nella porzione più lontana; anche la misura di velocità radiale sarà possibile solo su stelle 4 volte più luminose rispetto al previsto, dimezzando così la distanza raggiungibile.

Questo inconveniente, unito a qualche altro problema di importanza minore, ha allungato la durata della fase di commissariamento rispetto alle previsioni; comunque, a partire dalla fine di Agosto, Gaia ha iniziato la sua attività di routine scientifica. Adesso sta osservando qualcosa come 40 milioni di stelle ogni giorno e nel primo mese di osservazioni ha già permesso di scoprire una supernova.

Il satellite continuerà a scansionare il cielo per almeno 5 anni e il catalogo definitivo che ne scaturirà verrà pubblicato dopo il 2020; tuttavia, i primi cataloghi provvisori verranno resi pubblici tra pochi anni e, ne possiamo stare certi, molte scoperte arriveranno anche prima! 

Riferimenti:
http://www.cosmos.esa.int/web/gaia/science-topics
http://arxiv.org/abs/1209.3563 

http://blogs.esa.int/gaia/2014/06/16/preliminary-analysis-of-stray-light-impact-and-strategies/

Condividi e resta aggiornato!

Marco Di Lorenzo (DILO)

Sono laureato in Fisica e insegno questa materia nelle scuole superiori; in passato ho lavorato nel campo dei semiconduttori e dei sensori d'immagine. Appassionato di astronautica e astronomia fin da ragazzo, ho continuato a coltivare queste passioni sul web, elaborando e pubblicando numerose immagini insieme al collega Ken Kremer. E naturalmente amo la fantascienza e la fotografia!

Sito web: https://www.facebook.com/marco.lorenzo.58
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Altri articoli di Marco Di Lorenzo (DILO)

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

06-12-2016 Cassini

Cassini: prima immersione tra gli anelli

Dopo il fly-by su Titano T-125, la Cassini ha iniziato una nuova fase della missione: il 4 dicembre, alle 13:09 UTC, la sonda ha a...

Leggi tutto

05-12-2016 New Horizons

Plutone: altri scenari per la formazione della Sputnik Planitia

Da quando la sonda della NASA New Horizons ha fotografato la curiosa caratteristica a forma di cuore, che domina un emisfero di Pl...

Leggi tutto

05-12-2016 Missioni Spaziali

Virgin Galactic: volo di test per il secondo SpaceShipTwo

Il secondo spazioplano sub-orbitale della Virgin Galactic, lo SpaceShipTwo, ha eseguito con successo il suo primo volo di test il ...

Leggi tutto

04-12-2016 Dawn

Dawn ha quasi completato l'ascesa

Domani la sonda intorno a Cerere raggiungerà un'orbita più alta ed ellittica per poter caratterizzare i raggi cosmici che disturba...

Leggi tutto

06-12-2016 Cassini

Cassini: prima immersione tra gli anelli

Dopo il fly-by su Titano T-125, la Cassini ha iniziato una nuova fase della missione: il 4 dicembre, alle 13:09 UTC, la sonda ha a...

05-12-2016 New Horizons

Plutone: altri scenari per la formazione della Sputnik Planitia

Da quando la sonda della NASA New Horizons ha fotografato la curiosa caratteristica a forma di cuore, che domina un emisfero di Pl...

05-12-2016 Missioni Spaziali

Virgin Galactic: volo di test per il secondo SpaceShipTwo

Il secondo spazioplano sub-orbitale della Virgin Galactic, lo SpaceShipTwo, ha eseguito con successo il suo primo volo di test il ...

04-12-2016 Dawn

Dawn ha quasi completato l'ascesa

Domani la sonda intorno a Cerere raggiungerà un'orbita più alta ed ellittica per poter caratterizzare i raggi cosmici che disturba...

Flash News

22-11-2016 Missioni Spaziali

Tiangon-2: l'equipaggio del Shenzhou 11 è tornato sulla Terra

I due astronauti cinesi sono tornati con successo sulla Terra venerdì 18 novembre 2016 dopo aver trascorso 32 giorni a bordo del l...

18-11-2016 Missioni Spaziali

Partita la missione Proxima

Tre nuovi membri dell'equipaggio in rappresentanza di Stati Uniti, Russia e Francia sono in viaggio verso la Stazione Spazial...

Speciale missioni

29-11-2016 ExoMars 2016

ExoMars: TGO invia le prime immagini dall'orbita di Marte

Il Trace Gas Orbiter (TGO), della missione congiunta ESA/Roscosmos ExoMars, ha acceso per la prima volta i suoi strumenti scientif...

27-11-2016 MRO - HiRISE

I resti di Schiaparelli

Mentre le investigazioni sull'incidente che ha decretato la fine prematura della missione del lander Schiaparelli vanno avanti, la...

Rubriche

30-11-2016 Approfondimenti

Asteroide 2016 WJ1: fino a che punto è una minaccia?

Questo asteroide NEO/PHA ha raggiunto nei giorni scorsi il primo livello di pericolosità nella scala di Torino, il che non avviene...

13-11-2016 Angolo degli Astrofili

14 novembre 2016: arriva la super Superluna

Il 14 novembre sarà una giornata speciale: non solo la mia piccola stella (Sofia Vega) compirà un mese ma il cielo offrirà spettac...

Newsletter

I nostri articoli sono anche su Coelum Astronomia!

GRATIS E DIGITALE: leggilo ora!

Immagine del giorno

Meteo spaziale

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Aggiornato al 7 Dicembre.

Mission log

Iscriviti alla nostra newsletter!

Aggregatore notizie RSS - BlogItalia - La directory italiana dei blog - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it

[IT] Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Per saperne di più o negare il consenso prendete visione dell'Informativa Estesa.
Chiudendo questo banner cliccando su 'Accetto' ed in qualunque altro modo, o proseguendo la navigazione su questo sito web, acconsentite al loro uso.
[EN] This site uses technical and third-party cookies, in order to improve services and experiences of our readers. If you want to know more or deny cookies exchange, please view "Cookie Information".
Closing this banner clicking on 'Agree' and in any other way, or continuing to browse this website, you consent with the cookies usage.