Martedì 24 Gennaio 2017
Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

Si cerca la vita nel sistema Wolf 1061

L'astronomo Stephen Kane della San Francisco State University, un "cacciatori di pianeti" di livello mondiale, ha concentrato le sue ricerche sul sistema Wolf 1061, conosciuto anche come come Gliese 628, che si trova a soli 14 anni luce dal Sistema Solare. Leggi tutto

La missione di GAIA (terza parte)

Gaia - rappresentazione artistica
Gaia - rappresentazione artistica Credits: ESA/ATG medialab; background image: ESO/S. Brunier Gaia Artist's Impression

La missione GAIA è una delle più ambiziose nel campo dell'astronomia spaziale ed è interamente europea, con un forte contributo italiano. Vediamo come è nata e come sta procedendo, dopo il lancio del 19 dicembre...

 

Nella precedente puntata abbiamo visto come si è sviluppata l'astrometria in epoca moderna e siamo infine arrivati a descrivere il lancio di GAIA.

Prima di procedere oltre nel raccontare i dettagli del lancio e della traiettoria seguita, però, è necessario capire come è fatta e quali obiettivi la missione si propone.

Il censimento galattico

accuratezza

Confrontiamo di seguito le caratteristiche dei cataloghi stellari più famosi:

Autore Anno Numero di stelle Precisione
Hipparco/Tolomeo 150 aC 1030 1,5 °
Ulugh Beg (Persia) 1437 dC 994 <0.7 td="">
Flamsteed (UK) 1725 3000 10-20 arcsec
Lalande (Francia) 1801 50000 3 arcsec
Schlesinger (USA) 1824 2000 10 mas
>Hipparcos (ESA) 1997 100000 1-2 mas
GAIA (ESA) 2022 1 miliardo 0,01-0,1 mas

Nel diagramma viene illustrata l'evoluzione con ulteriore dettaglio, prendendo in considerazione i cataloghi di posizione (rosso), di parallasse (verde) e quelli completi (azzurro). E' evidente l'improvvisa impennata della precisione a cavallo del 2000, essenzialmente dovuta all'astrometria spaziale.

Scopo di Gaia è quello di riuscire a costruire un catalogo completo con i dati di posizione, moto proprio, parallasse, velocità radiale, luminosità e colore per un milardo di oggetti circa. La maggior parte di essi saranno stelle appartenenti alla nostra galassia, alcune poste alla stessa distanza del nucleo galattico (8.5 kpc o 28000 anni luce), altri saranno oggetti extragalattici; inoltre, sono previste numerose osservazioni e scoperte "casuali" di oggetti appartenenti al nostro sistema solare (asteroidi e comete). Grazie alla sua sensibilità, GAIA osserverà circa mezzo milione di Quasar e, utilizzando i più luminosi tra questi, si procederà alla costruzione di un sistema di riferimento “assoluto” ICRF (International Celestial Reference Frame) nel visibile, analogo a quanto già fatto nel dominio radio con la tecnica VLBI (descritta nella precedente puntata).

Rispetto a Hipparcos, GAIA andrà molto oltre sia in termini di precisione (oltre 100 volte migliore) sia come campione esaminato (una popolazione stellare 10mila volte più ampia, 400 volte se consideriamo il catalogo Tycho), sia come completezza dei dati forniti. In pratica, fornirà la prima mappa tridimensionale di una porzione significativa della Via Lattea, rivoluzionando gli studi sull'evoluzione stellare, sui pianeti extrasolari, sulla deflessione relativistica della luce e molto altro ancora... 

Galassia

 Due viste perpendicolari della regione di Via Lattea abbracciata dalle misure di parallasse di Gaia.

Il funzionamento di base

Lo strumento a bordo è essenzialmente un doppio telescopio, puntato in due direzioni perpendicolari all'asse di rotazione del satellite e distanti tra loro circa 106.5°(il cosiddetto Basic Angle); dato che il satellite compie una rotazione ogni 6 ore (traccia rossa nella figura in basso) e lo stesso asse di rotazione effettua una rivoluzione completa attorno alla direzione del Sole in 63 giorni (traccia in blu), questo permette al satellite di esplorare ripetutamente la volta celeste, osservando in media lo stesso oggetto 40-250 volte in 5 anni (in media, 72 volte).

IN scanning law

Grazie al complesso sistema di specchi piani e curvi (10 in tutto), le immagini provenienti dai due telescopi si sovrappongono nel piano focale e questo permette di fare le necessarie triangolazioni tra oggetti distanti sulla volta celeste; tramite complessi calcoli, poi, vengono ricavate le loro coordinate in un sistema di riferimento assoluto. La “precisione astrometrica” dovrebbe essere, per stelle di magnitudine 15, circa 24 μas; questo valore cresce oltre 100 μas per le stelle più deboli, fino al limite osservabile della magnitudine 20, mentre si riduce a meno di 10 μas per le stelle più luminose, le stesse per le quali Hipparcos forniva appunto una precisione oltre 100 volte peggiore.

Gaia: ottiche

Schema ottico di GAIA; i due specchi principali sono indicati come M1 mentre in basso a destra c'è il piano focale. Credit: EADS Astrium

La tecnologia della "incredible machine"

esploso

In poco più di 2 tonnellate di massa, il veicolo concentra una quantità di tecnologie innovative.

Ad esempio, le ottiche del doppio telescopio sono leggerissime ma estremamente stabili, utilizzando specchi in carburo di silicio: le deviazioni complessive rispetto alla superficie ideale non superano i 50 nm.

Oltre 100 sensori CCD di immagine forniranno una “fotografia” con quasi 1 miliardo di pixel! La quantità di informazione tramessa a terra è ovviamente enorme: nonostante una compressione fatta a bordo prima della trasmissione (solo la mini-immagine di ciascuna sorgente luminosa verrà realmente inviata), si parla di 100 Gbit al giorno e svariati Peta-bytes a fine missione!

La stabilità termica richiesta sulle strutture interne (in particolare la struttura toroidale di supporto, il "Payload module" nella vista "esplosa" qui a lato) è dell'ordine di qualche decina di μK (micro-Kelvin), lo stesso livello delle oscillazioni acustiche della radiazione cosmica di fondo studiate da Plank! Un laser permetterà di misurare interferometricamente l'angolo tra le direzioni puntate dai due telescopi, essenziale per la determinazione astrometrica. Il continuo monitoraggio di questo angolo avverrà con una accuratezza migliore di 0.5 μas, corrispondente a una differenza nel cammino ottico di 1.5 pm (2 milionesimi di λ)!

L'antenna ad alto guadagno ("high gain antenna" nella figura), dovendo essere fissa per non provocare  oscillazioni e vibrazioni meccaniche inaccettabili, utilizza una tecnologia nota da anni in campo militare, un "phase-shift array" o "schiera di fase" senza parti mobili; essa è in grado di direzionare un fascio di onde radio grazie all'elettronica e ai principi di interferenza costruttiva/distruttiva.
 A bordo c'è anche un orologio atomico e la memoria di bordo ha una capienza inaudita per un veicolo spaziale: ben 1 TB.

Forte è il contributo italiano, con Alcatel-Alenia e Selex-Galileo tra i maggiori contractors. Diverse le istituzioni universitarie nazionali coinvolte, capeggiate dall'Osservatorio di Pino torinese.

Riferimenti:
http://sci.esa.int/gaia/28820-summary/

Condividi e resta aggiornato!

Marco Di Lorenzo (DILO)

Sono laureato in Fisica e insegno questa materia nelle scuole superiori; in passato ho lavorato nel campo dei semiconduttori e dei sensori d'immagine. Appassionato di astronautica e astronomia fin da ragazzo, ho continuato a coltivare queste passioni sul web, elaborando e pubblicando numerose immagini insieme al collega Ken Kremer. E naturalmente amo la fantascienza e la fotografia!

Sito web: https://www.facebook.com/marco.lorenzo.58
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

22-01-2017 Spazio & Astronomia

Ai confini della Via Lattea

Quali sono e da dove vengono le stelle più lontane nella nostra galassia e quanta massa si nasconde nelle sue propaggini più ester...

Leggi tutto

21-01-2017 Dawn

Cerere mostra un nuovo volto

Nuove misure condotte dall'osservatorio stratosferico SOFIA suggeriscono una composizione superficiale e una storia inaspettati pe...

Leggi tutto

18-01-2017 MSL - Curiosity

Curiosity trova fango (indurito) alla base del Monte Sharp

Le probabili crepe nel fango, chiamate "crepe disseccamento", fotografate da Curiosity durante gli ultimi sol potrebbero essere un...

Leggi tutto

16-01-2017 Spazio & Astronomia

I microbi potrebbero sopravvivere su Marte oggi

"In tutti gli ambienti terrestri vivono dei microrganismi tanto che risulta difficile credere che non ce ne siano là fuori su altr...

Leggi tutto

22-01-2017 Spazio & Astronomia

Ai confini della Via Lattea

Quali sono e da dove vengono le stelle più lontane nella nostra galassia e quanta massa si nasconde nelle sue propaggini più ester...

21-01-2017 Dawn

Cerere mostra un nuovo volto

Nuove misure condotte dall'osservatorio stratosferico SOFIA suggeriscono una composizione superficiale e una storia inaspettati pe...

18-01-2017 MSL - Curiosity

Curiosity trova fango (indurito) alla base del Monte Sharp

Le probabili crepe nel fango, chiamate "crepe disseccamento", fotografate da Curiosity durante gli ultimi sol potrebbero essere un...

16-01-2017 Spazio & Astronomia

I microbi potrebbero sopravvivere su Marte oggi

"In tutti gli ambienti terrestri vivono dei microrganismi tanto che risulta difficile credere che non ce ne siano là fuori su altr...

Flash News

15-01-2017 Spazio & Astronomia

Gaia conferma: la Via Lattea è barrata (ma non troppo)

 Usando anche i dati del satellite europeo, i ricercatori hanno trovato nuove evidenze dinamiche dell'esistenza di una barra ...

15-01-2017 Missioni Spaziali

La SpaceX torna a volare con successo

Ieri, alle 18:54 ora italiana, la SpaceX è tornata a volare dopo l'incidente durante un test pre-lancio del 1 settembre 2016. ...

Speciale missioni

02-01-2017 New Horizons

New Horizons: a metà strada tra due pietre miliari

Come ricorcato dal ricercatore Alan Stern in un post, il passaggio al nuovo anno ha scandito dei passaggi importanti per la missio...

28-12-2016 ExoMars 2018 (2020)

Confermata la missione ExoMars 2020

La costruzione del rover della missione ExoMars è stata recentemente confermata, in linea con il programma che fissava la nuova da...

Rubriche

17-01-2017 Ricreazioni Matematiche

Un formato digitale per immagini HDR

Che cosa sono le immagini "High Dinamic Range" e quale dovrebbe essere lo standard più giusto per rappresentarle? ...

Newsletter

I nostri articoli sono anche su Coelum Astronomia!

GRATIS E DIGITALE: leggilo ora!

Immagine del giorno

Meteo spaziale

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Aggiornato al 23 Gennaio.

Mission log

Iscriviti alla nostra newsletter!

Aggregatore notizie RSS - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it

[IT] Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Per saperne di più o negare il consenso prendete visione dell'Informativa Estesa.
Chiudendo questo banner cliccando su 'Accetto' ed in qualunque altro modo, o proseguendo la navigazione su questo sito web, acconsentite al loro uso.
[EN] This site uses technical and third-party cookies, in order to improve services and experiences of our readers. If you want to know more or deny cookies exchange, please view "Cookie Information".
Closing this banner clicking on 'Agree' and in any other way, or continuing to browse this website, you consent with the cookies usage.