Giovedì 21 Settembre 2017
Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

Il satellite indiano IRNSS-1H fallisce l'inserimento in orbita

Doveva essere l'ottavo membro della costellazione indiana per il posizionamento satellitare ma qualcosa è andato storto e il satellite è rimasto bloccato dentro il suo involucro; adesso è fuori controllo, destinato a ricadere sulla Terra entro un paio di mesi. Leggi tutto

NASA Curiosity: il misterioso MAHLI Calibration Target

Curiosity Sol 411 MAHLI penny
Curiosity Sol 411 MAHLI penny "Courtesy NASA/JPL-Caltech." processing 2di7 & titanio44

Tra riprese panoramiche e rocce in primo piano, il rover della NASA Curiosity esegue la periodica attività di taratura e verifica delle sue fotocamere.

Il sistema di calibrazione del MAHLI (Mars Hand Lens Imager), la fotocamera utilizzata per le macro montata sulla torretta all'estremità del braccio robotico del rover, è abbastanza complesso e anche divertente: sei colori di silicone pigmentato, una metrica grafica standardizzata e un penny.

Ma vediamolo più in dettaglio.

Curiosity sol 411 MAHLI calibration target

Curiosity sol 411 MAHLI calibration target
"Courtesy NASA/JPL-Caltech." processing 2di7 & titanio44

Tra tutti, l'elemento che più attira l'attenzione è sicuramente il penny del 1909, primo anno in cui sono stati coniati i penny raffiguranti il presidente Abraham Lincoln, inserito nel target di calibrazione per fornire un riferimento dimensionale noto per tutti e per seguire l'abitudine dei geologi di inserire un oggetto con misure note nelle fotografie.

La speciale moneta, che ha attualmente un valore di 20 dollari, è stata donata da Ken Edgett, principale ricercatore del MAHLI presso il Malin Space Science Systems di San Diego.

E' proprio il penny ad essere il protagonista degli ultimi scatti del 2 ottobre 2013 (immagine in apertura).

Nonostante il sistema di calibrazione sia stato montato in verticale sul rover, dalle ultime foto si vede la moneta ricoperta da una patina polverosa.

MAHLI calibration target

Credit: NASA/JPL-Caltech

L'immagine, con una risoluzione di 14 micrometri per pixel, mette in evidenza, ancora una volta, il curioso comportamento della sabbia marziana, capace di "incollarsi" sulle superfici.

Partendo dall'alto, invece, troviamo i colori di silicone pigmentato che servono per calibrare colore e luminosità.
Cinque di loro, rosso, verde, blu, grigio al 40% e grigio al 60%, sono un'eredità dei rover Spirit e Opportunity; il sesto contiene, invece, un pigmento fluorescente che si illumina di rosso quando viene colpito dai led ultravioletti del MAHLI.

Il target grafico è, invece, un modello standardizzato utilizzato della U.S. Air Force per testare la risoluzione delle fotocamere.
Per esempio, il gruppo etichettato "1.0" è composto da barre nere e spazi bianchi di mezzo millimetro ciascuno.
In basso a sinistra dell'area bianca, c'è anche un cartone animato chiamato "Joe the Martian".

Forse queste immagini e la loro spiegazione tecnica però, non è ciò che più appassiona il pubblico in rete, maggiormente attratto dal paesaggio del cratere Gale e da qualche anomalia marziana.

Eppure, anche tra questi scatti si nasconde un intrigante mistero, che non tutti avranno colto.

Torniamo a guardare il target grafico, proprio il primo blocco di linee contrassegnato con il numero "1.0" a cui abbiamo accennato prima.
Noterete che, all'interno dello zero, è racchiusa una misteriosa scritta in greco.

Sono le lettere "γδβγ", ossia "GDBG": ma che cosa significano e perché sono state messe li?

Curiosity Sol 411 MAHLI calibration target

Curiosity Sol 411 MAHLI calibration target
"Courtesy NASA/JPL-Caltech." processing 2di7 & titanio44

Blacker LionPotrebbe sembrare un testo esoterico o un messaggio in codice per i marziani ma in realtà, facendo qualche ricerca in rete, è facile scoprire che sono collegate alla Caltech, ossia al California Institute of Technology, la famosa Università statunitense.

Le lettere "GDBG" stanno per "God Damn Blacker Gang" il grido di guerra dei Blacker Hovse, una delle confraternite universitarie della Caltech.

La storia racconta che, tra il 1978 e il 1979, era abitudine degli studenti Blacker salire in cima agli ascensori.
Una volta, la sicurezza entrò in uno degli ascensori per cercare gli studenti, che invece erano in cima, mormorando "God Damn Gang Blacker" (maledizione alla banda Blacker). Così la frase diventò il motto.

Nonostante ora conosciamo il significato delle lettere "γδβγ" che Curiosity sta portando a spasso su Marte, rimane il mistero del perché siano finite li!

Fonti:
http://photojournal.jpl.nasa.gov/catalog/PIA15286
http://www.gdbg.org/blacker.faq.html
http://en.wikipedia.org/wiki/House_System_at_the_California_Institute_of_Technology

Condividi e resta aggiornato!

Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
In cerca di una nuova occupazione, negli ultimi anni mi sono occupata di digital advertising, web e video analytics.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

Sito web: https://twitter.com/EliBonora
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

2 commenti

  • Link al commento Elisabetta Bonora Sabato, 04 Gennaio 2014 16:59 inviato da Elisabetta Bonora

    Salve Claudio, quella sorta di piramide a gradini serve per calibrare la profondità e dovrebbe aiutare la calibrazione per le immagini tridimensionali, che, in genere, il MAHLI realizza o scattando a distanze differenti dal target, o spostando leggermente l'angolo di ripresa per ottenere una coppia stereo. Elisabetta

  • Link al commento Claudio Costerni Sabato, 04 Gennaio 2014 02:21 inviato da Claudio Costerni

    E cosa serve invece quell'elemento tridimensionale a scalini che sta sotto la moneta?
    Per la taratura del punto di messa a fuoco dell'ottica?

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

16-09-2017 Missioni Spaziali

Equipaggio di nuovo al completo sulla ISS

Con un perfetto decollo, avvenuto nel cielo buio poco prima dell'alba, dell'affidabile vettore russo Soyuz-FG, avvenuto dalla ramp...

Leggi tutto

16-09-2017 Cassini

Cassini #GrandFinale: fine di una missione epocale

Ieri si è conclusa una missione epocale: alle 13:55 ora italiana, la stazione di Canberra (Australia) del Deep Space Network della...

Leggi tutto

11-09-2017 OSIRIS-REx

OSIRIS-REx torna a salutarci

Partita quasi esattamente un anno fa, tra 11 giorni la sonda ci passerà accanto per ricevere la spinta necessaria a portarla sull...

Leggi tutto

08-09-2017 Spazio & Astronomia

Incontri ravvicinati di tipo stellare

Un nuovo studio basato sui dati Gaia ci svela quali saranno i prossimi incontri ravvicinati del Sole con altre stelle e quali scon...

Leggi tutto

16-09-2017 Missioni Spaziali

Equipaggio di nuovo al completo sulla ISS

Con un perfetto decollo, avvenuto nel cielo buio poco prima dell'alba, dell'affidabile vettore russo Soyuz-FG, avvenuto dalla ramp...

16-09-2017 Cassini

Cassini #GrandFinale: fine di una missione epocale

Ieri si è conclusa una missione epocale: alle 13:55 ora italiana, la stazione di Canberra (Australia) del Deep Space Network della...

11-09-2017 OSIRIS-REx

OSIRIS-REx torna a salutarci

Partita quasi esattamente un anno fa, tra 11 giorni la sonda ci passerà accanto per ricevere la spinta necessaria a portarla sull...

08-09-2017 Spazio & Astronomia

Incontri ravvicinati di tipo stellare

Un nuovo studio basato sui dati Gaia ci svela quali saranno i prossimi incontri ravvicinati del Sole con altre stelle e quali scon...

Flash News

06-09-2017 Missioni Spaziali

Peggy Whitson, la Signora dello Spazio

Domenica 3 settembre 2017, alle 7:21 locali (le 4:21 italiane), il modulo di rientro della capsula russa Soyuz MS-04, con a bordo ...

05-09-2017 Spazio & Astronomia

Forse c'è acqua su 3 delle 7 meraviglie TRAPPIST-1

Grazie al Telescopio Spaziale Hubble, gli scienziati ritengono che l'acqua possa esistere su alcuni dei pianeti del sistema TRAPPI...

Speciale missioni

13-09-2017 Cassini

Occhi su Saturno e sulla Cassini... per l'ultima volta

Il 19 luglio 2013 la sonda della NASA Cassini riprendeva la Terra e la Luna da circa 1,44 miliardi di chilometri di distanza mentr...

07-09-2017 Juno

JUNO e il mistero delle potenti aurore di Giove

I dati in arrivo da JUNO stanno cambiando radicalmente le nostre conoscenza di Giove: un esame delle informazioni collezionate dal...

Rubriche

01-09-2017 Bacheca

Le avventure della missione Cassini-Huygens sulle pagine di Coelum Astronomia

Settembre è sempre stato un mese particolare: quando ero piccola ero malinconica perché finivano le vacanze e dovevo tornare a Rom...

26-07-2017 Approfondimenti

Pulsar più carine con NICER

Pochi giorni fa è entrato in funzione sulla ISS un nuovo telescopio a raggi X per studiare le stelle di neutroni con un detta...

Newsletter

I nostri articoli sono anche su Coelum Astronomia!

GRATIS E DIGITALE: leggilo ora!

Immagine del giorno

Meteo spaziale

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Aggiornato al 20 Settembre.

Mission log

Iscriviti alla nostra newsletter!

Aggregatore notizie RSS - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it

[IT] Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Per saperne di più o negare il consenso prendete visione dell'Informativa Estesa.
Chiudendo questo banner cliccando su 'Accetto' ed in qualunque altro modo, o proseguendo la navigazione su questo sito web, acconsentite al loro uso.
[EN] This site uses technical and third-party cookies, in order to improve services and experiences of our readers. If you want to know more or deny cookies exchange, please view "Cookie Information".
Closing this banner clicking on 'Agree' and in any other way, or continuing to browse this website, you consent with the cookies usage.