Giovedì 21 Settembre 2017
Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

#VIDEO SpaceX papere compilation: ecco come NON far atterrare un razzo!

Razzi che esplodono in mare, in terra, in aria, tutto a ritmo di musica: la SpaceX racconta i suoi insuccessi in un video di due minuti pubblicato il 14 settembre. Leggi tutto

Marte può essere abitabile oggi: tra acqua e microbi i grandi interrogati sul Pianeta Rosso

  • Lunedì, 25 Febbraio 2013 19:33
  • Scritto da  Redazione
OPPORTUNITY Sol 1045 mic anaglyph fish
OPPORTUNITY Sol 1045 mic anaglyph fish "Courtesy NASA/JPL-Caltech." processing 2di7 & titanio44

"Marte può essere abitabile oggi, dicono gli scienziati", questo è il titolo di un articolo uscito ieri sul sito space.com che ha catturato la nostra attenzione.

Alcuni ricercatori sostengono che, mentre sicuramente Marte è stato un mondo abitabile nel passato, ancora oggi è in grado di sostenere la vita. (Finalmente, aggiungiamo noi!)

Questo il tema trattato in una conferenza dal titolo "The Present-Day Habitability of Mars" tenutasi all'Università della California a Los Angeles.

Leggendo l'articolo non abbiamo fatto altro che trovare diverse tematiche trattate e ribadite da tempo.

Ma andiamo per gradi.

Gli scienziati sottolineano che anche se l'acqua fosse presente, questa, potrebbe non implicare necessariamente la vita. Anzi, la vita potrebbe esistere anche in punti di Marte assolutamente aridi e per noi inospitali: basta tenere a mente i microbi che qui sulla Terra vivono nel deserto dell'Atacama o nelle secche Valli dell'Antartide, entrambi luoghi freddi e aridi. I siti antartici ricevono, tra altro, in alcuni periodi dell'anno (da agosto a novembre), abbondanti dosi di UV a causa del buco dell'ozono. Qui gli organismi vivono in profondità per proteggersi dalle radiazioni ma abbastanza in superficie per beneficiare della fotosintesi.

Ciò, tra l'altro, potrebbe non essere la regola.

In un nostro articolo "RIFLESSIONI SULLA QUANTITÀ E COMPOSIZIONE DELLA LUCE MARZIANA" ci eravamo giusto chiesti quanti UV arrivano su Marte. Anche se in dose maggiore rispetto alla Terra, secondo noi la differenza non è poi così tanta e soprattutto, riteniamo che nonostante l'atmosfera sia meno spessa di quella terrestre, la componente più dannosa degli UV, UV-C (280-100 nm), venga sufficientemente bloccata.

Senza dimenticare tra l'altro che esistono organismi che utilizzano parte dello spettro UV per sintetizzare vitamine fondamentali per la crescita.

D'altra parte una conferma indiretta, è arrivata anche dalla stessa missione Mars Science Laboratory: dopo le prime 12 settimane di permanenza su Marte, sono stati rilasciati i dati atmosferici rilevati da Curiosity.

Noi avevamo posto l'accento su un'osservazione puramente visiva, ottenuta analizzando le immagini dei rover, lander e orbiter: la quantità di raggi cosmici immortalata negli scatti è decisamente scarsa, praticamente nulla, ben differente da quella presente nelle immagini della Missione Cassini che opera nel Sistema di Saturno.

Nella conferenza del 15 novembre scorso si evidenziava che gli astronauti potrebbero sicuramente vivere in quell'ambiente, perchè i livelli di radiazioni misurati da Curiosity equivalgono a quelli a cui sono sottoposti a bordo della Stazione Spaziale Internazionale.

Nonostante l’atmosfera marziana sia solo l’1% di quella terrestre, fornisce una notevole schermatura dalle pericolose particelle cosmiche.

In effetti, una cosa che ci siamo sempre chiesti, in questi oltre 30 anni di missioni, è perché la possibilità che possa esistere vita microbica su Marte sia stato quasi considerato un tabù. I microrganismi sono decisamente resistenti: sono stati praticamente trovati ovunque, li abbiamo sottoposti a test di resistenza e non ci hanno mai deluso. Dei cianobatteri terrestri sono stati addirittura esposti al vuoto dello spazio, con cambi repentini di temperature, raggi cosmici e luce UV, per 553 giorni, sopravvivendo.

E' chiaro che dall'ipotizzare una cosa a provarla ne passa di storia ma per Marte, la sola idea che possa sostenere della vita oggi è sempre parsa un'eresia.

Tra l'altro l'habitat marziano, con una gravità circa un terzo di quella terrestre, potrebbe favorire lo sviluppo di forme di vita complesse, più legate al nostro ambiente acquatico che terrestre: organismi che qui sulla Terra non riuscirebbero a muoversi, su Marte farebbero molta meno fatica. Ma qui, stiamo andando ancora oltre!

Secondo lo studio non tutte le parti di Marte sarebbero aride, almeno non per tutto l'anno marziano. Ci sono evidenze che l'acqua liquida scorre stagionalmente in alcuni luoghi, fornendo così un rifugio per la vita come la conosciamo.

Tali presupposti nascono dalle osservazioni delle immagini ad alta risoluzione, catturate dalla fotocamera HiRISE a bordo della sonda Mars Reconnaissance Orbiter (MRO): fino ad oggi sono stati identificati almeno 16 siti, la maggior parte sui pendii del gran canyon della Valles Marineris, in cui stagionalmente sembrano verificarsi segni di acqua salmastra che scorre verso il basso.

Mentre vi è il sospetto che questi fluidi arrivino da sottoterra, il suolo marziano tramite un processo noto come deliquescenza potrebbe raccogliere umidità dall'atmosfera.

E qui ci soffermiamo, nuovamente.

Di queste evidenze si duscute ormai da tempo così come della deliquescenza. A tal proposito ricordiamo l'articolo pubblicato a marzo 2012 "MARTE - IL SUOLO, L'ARIA L'ACQUA" in cui si parlava dello studio pubblicato da Joseph Levy, ricercatore della Oregon State University: "Antarctic salty soil sucks water out of atmosphere: Could it happen on Mars?". 

Gli scienziati constatarono che nel McMurdo Dry Valley, in Antartide, uno dei deserti terrestri più freddi, in primavera le sabbie si ricoprono di macchie di umidità, nonostante i ghiacci sciolti scarseggino e le piogge siano assenti.
Il fenomeno notato si verifica a causa dai sali contenuti all'interno del terreno che risucchiano umidità dall'atmosfera.

Joseph Levy aveva spiegato che con particolari combinazioni di sali e sostanze, per far si che questo processo si verifichi, è sufficiente un contenuto di umidità atmosferica pari solo al 35% e il processo va avanti, fino a quando il livello di umidità accumulata nel terreno non è pari al vapore acqueo contenuto nell'aria. Inoltre, i sali contenuti nell'acqua contribuiscono ad abbassare il punto a cui l'acqua ghiaccia, mantenendola allo stato liquido più a lungo.

La squadra di ricercatori aveva notato che l'acqua accumulata con questo processo nel terreno è una quantità considerevole e questi suoli risultano anche ricchi di materia organica.

Ora, le immagini orbitali sono sicuramente un grande aiuto e ci danno un'idea di quello che accade su Marte per macro aree ma è anche vero che sul Pianeta Rosso c'è una certa discontinuità ambientale e anche le migliaia (forse milioni) di immagini trasmesse dai rover fanno la differenza.

Moltissime volte qui su questo blog che ha una vita piuttosto recente ma ancor più spesso attraverso le nostre immagini sull'album di Flickr, abbiamo sottolineato possibili tracce di umido e meccanismi dovuti ad un terreno "bagnato".

In alcuni particolari momenti e luoghi un velo d'acqua potrebbe rimanere in superficie anche per diverso tempo. D'altra parte questa sarebbe difficilmente distinguibile dalle immagini dei rover, dove un effetto polarizzazione potrebbe nascondere eventuali riflessi.

Il terreno a volte sembra subire modifiche sotto le sollecitazioni meccaniche dovute al passaggio dei rover, ed avere un comportamento addirittura curioso, come in Home Plate, dove è rimasto insabbiato il povero Spirit.

Non dimentichiamo poi le fessurazioni, notate già da diversi anni, di cui recentemente siamo tornati a parlare. Crepe nel terreno notate lungo la traversata di Spirit e ora con Curiosity nel cratere Gale. Segni "recenti" causati da un movimento del suolo che può aver subito spostamenti o variazioni volumetriche. Una buona causa da tener in considerazione in quest'ultimo caso, potrebbe essere la presenza di fluidi nel sottosuolo: l'acqua potrebbe risalire localmente in superficie e poi sublimare o ritirarsi di nuovo. D'altra parte, a livello visivo ci ricordano molto effetti osservati lungo le spiagge qui sulla Terra.

Acqua e ghiaccio devono esser presenti sotto la superficie di Marte e a volte anche poco in profondità, così come rari eventi atmosferici devono verificarsi ancora oggi.

E per chiudere, ecco che arriva il perclorato, inizialmente considerato un nemico per la vita perchè molto ossidante, ora è rilevante per l'abitabilità attuale. Il perclorato diventa così un'importante fonte di energia chemoautotrofica, sostenendo i microbi nel sottosuolo marziano che non potrebbero usufruire della fotosintesi. Alcuni microbi terrestri lo utilizzano come cibo e quindi la stessa cosa potrebbe accadere su Marte.

In conclusione, questo potrebbe in effetti essere il motivo conduttore che negli anni ha spronato nuove missioni e nuovi investimenti. Marte è sicuramente interessante perchè comprendere la sua evoluzione potrebbe equivalere ad una finestra temporale sulla Terra del futuro, perchè potrebbe essere un campo di "gioco" e sperimentazione per tecniche di terraformazione ma quello che forse più di tutto ha avuto un peso rilevante è stata l'idea che possa esserci qualcosa ancora oggi, speranze sicuramente alimentate da indizi del passato.

Condividi e resta aggiornato!

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

21-09-2017 Spazio & Astronomia

Asteroide o cometa? Un altro ibrido osservato da Hubble

Nella vita e nell'astronomia non tutto può essere catalogato: alcune cose escono dagli schemi e dalle definizioni che abbiamo cost...

Leggi tutto

17-09-2017 Missioni Spaziali

Il satellite indiano IRNSS-1H fallisce l'inserimento in orbita

Doveva essere l'ottavo membro della costellazione indiana per il posizionamento satellitare ma qualcosa è andato storto e il satel...

Leggi tutto

16-09-2017 Missioni Spaziali

Equipaggio di nuovo al completo sulla ISS

Con un perfetto decollo, avvenuto nel cielo buio poco prima dell'alba, dell'affidabile vettore russo Soyuz-FG, avvenuto dalla ramp...

Leggi tutto

16-09-2017 Cassini

Cassini #GrandFinale: fine di una missione epocale

Ieri si è conclusa una missione epocale: alle 13:55 ora italiana, la stazione di Canberra (Australia) del Deep Space Network della...

Leggi tutto

21-09-2017 Spazio & Astronomia

Asteroide o cometa? Un altro ibrido osservato da Hubble

Nella vita e nell'astronomia non tutto può essere catalogato: alcune cose escono dagli schemi e dalle definizioni che abbiamo cost...

17-09-2017 Missioni Spaziali

Il satellite indiano IRNSS-1H fallisce l'inserimento in orbita

Doveva essere l'ottavo membro della costellazione indiana per il posizionamento satellitare ma qualcosa è andato storto e il satel...

16-09-2017 Missioni Spaziali

Equipaggio di nuovo al completo sulla ISS

Con un perfetto decollo, avvenuto nel cielo buio poco prima dell'alba, dell'affidabile vettore russo Soyuz-FG, avvenuto dalla ramp...

16-09-2017 Cassini

Cassini #GrandFinale: fine di una missione epocale

Ieri si è conclusa una missione epocale: alle 13:55 ora italiana, la stazione di Canberra (Australia) del Deep Space Network della...

Flash News

08-09-2017 Spazio & Astronomia

Incontri ravvicinati di tipo stellare

Un nuovo studio basato sui dati Gaia ci svela quali saranno i prossimi incontri ravvicinati del Sole con altre stelle e quali scon...

06-09-2017 Missioni Spaziali

Peggy Whitson, la Signora dello Spazio

Domenica 3 settembre 2017, alle 7:21 locali (le 4:21 italiane), il modulo di rientro della capsula russa Soyuz MS-04, con a bordo ...

Speciale missioni

13-09-2017 Cassini

Occhi su Saturno e sulla Cassini... per l'ultima volta

Il 19 luglio 2013 la sonda della NASA Cassini riprendeva la Terra e la Luna da circa 1,44 miliardi di chilometri di distanza mentr...

11-09-2017 OSIRIS-REx

OSIRIS-REx torna a salutarci

Partita quasi esattamente un anno fa, tra 11 giorni la sonda ci passerà accanto per ricevere la spinta necessaria a portarla sull...

Rubriche

01-09-2017 Bacheca

Le avventure della missione Cassini-Huygens sulle pagine di Coelum Astronomia

Settembre è sempre stato un mese particolare: quando ero piccola ero malinconica perché finivano le vacanze e dovevo tornare a Rom...

26-07-2017 Approfondimenti

Pulsar più carine con NICER

Pochi giorni fa è entrato in funzione sulla ISS un nuovo telescopio a raggi X per studiare le stelle di neutroni con un detta...

Newsletter

I nostri articoli sono anche su Coelum Astronomia!

GRATIS E DIGITALE: leggilo ora!

Immagine del giorno

Meteo spaziale

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Aggiornato al 21 Settembre.

Mission log

Iscriviti alla nostra newsletter!

Aggregatore notizie RSS - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it

[IT] Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Per saperne di più o negare il consenso prendete visione dell'Informativa Estesa.
Chiudendo questo banner cliccando su 'Accetto' ed in qualunque altro modo, o proseguendo la navigazione su questo sito web, acconsentite al loro uso.
[EN] This site uses technical and third-party cookies, in order to improve services and experiences of our readers. If you want to know more or deny cookies exchange, please view "Cookie Information".
Closing this banner clicking on 'Agree' and in any other way, or continuing to browse this website, you consent with the cookies usage.