Domenica 19 Febbraio 2017
Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

Un Troiano per Urano

Scoperto per caso un nuovo oggetto che condivide l'orbita con il settimo pianeta; è il secondo ma potrebbero essercene molti altri. Leggi tutto

Marte: qualche chiarimento sullo "sfumino della NASA"

Missoula - Marias Pass
Missoula - Marias Pass Credit: NASA/JPL-Caltech/MSSS/MisterobUFO

Generalmente leggo con distrazione i titoloni che denunciano la presenza di lucertole, topi o addirittura femori su Marte riconosciuti tra le rocce fotografate dai rover. Convengo che alcune pietre hanno sembianze intriganti ma anche sulla Terra, se guardassimo attentamente, potremmo scoprire un bel repertorio di forme strane. Tuttavia, in questo caso, ad incuriosirmi è stata la connotazione apparentemente tecnica dell'argomento.

Il "sasso" (per restare in tema!) è stato lanciato dal blog Mistero bUFO di Flavio Vanetti, ospitato dal Corriere della Sera (di cui, perdonatemi, eviterò di linkare l'articolo).
Il titolo cita: "Marte, il copia-incolla della Nasa (con “sfumino”)".
Il breve post, con riferimento all'immagine PIA19829 pubblicata nel PhotoJournal della NASA, un mosaico dell'affioramento "Missoula" incontrato da Curiosity vicino a Marias Pass, afferma che la foto contiene evidenti "copia e incolla" utilizzati per divulgare "informazioni ingannevoli". Oltre a chiedersi "cosa si affannano a nasconderci i signori della Nasa", si ironizza sul presunto uso dello "sfumino", noto strumento di fotoritocco!
In apertura, l'immagine PIA19829, pubblicata sul blog, con le aree incriminate evidenziate.

In rete, sono prontamente apparse diverse repliche con i chiarimenti del caso, alcune, però, solo parzialmente corrette e talvolta incomplete. Di qui, per non dar adito ad ulteriori dubbi, è nata l'idea di un breve approfondimento.

Il primo punto da chiarire, come già è stato fatto altrove, è che l'immagine pubblicata sul sito della NASA è un mosaico, cioè più immagini sono state assemblate e fuse insieme, in questo caso 5, per ottenere un panorama di tutto l'affioramento. Già in questa circostanza il prodotto finale può presentare delle imprecisioni e degli artefatti dovuti appunto al processo di "cucitura". A volte, anche i migliori software, generano diverse tipologie di alterazioni creando il panorama: dalla banale duplicazione di elementi nel punto di sovrapposizione tra due frame, agli effetti "sfumino" laddove non riescono a collegare bene due zone con colori o tonalità molto differenti. Per ottenere i migliori risultati, quindi, il consiglio è quello di intervenire sempre manualmente per correggere quei dettagli che ai software sfuggono.

Tuttavia, questo non risolve il mistero.
Alcuni, infatti, hanno obiettato che, andando a controllare le immagini raw pubblicate nel catalogo ufficiale, i segni dello "sfumino" sono già presenti (un dettaglio qui sotto).

1031MH0004540000400105R00 DXXX det

Queste foto sono state scattate dal MAHLI (Mars Hand Lens Imager), la fotocamera utilizzata per le macro montata sulla torretta all'estremità del braccio robotico del rover, la stessa utilizzata da Curiosity per scattare i famosi selfie (qui trovate un approfondimento sulla fotocamera).

I frame in questioni, cioè quelli utilizzati per comporre il mosaico, sono:
1031MH0004540000400109R00_DXXX
1031MH0004540000400107R00_DXXX
1031MH0004540000400105R00_DXXX
1031MH0004540000400103R00_DXXX
1031MH0004540000400101R00_DXXX

Noterete che sono pubblicati in una sezione che si chiama "FOCUS MERGE Data Product", vorrà pur dire qualcosa? O no?!?!?!

Curiosity sol 1031 screenshot

Basterebbe aprirne una e leggere la didascalia per farsi venire qualche dubbio, ad esempio:

Using an onboard focusing process, the Mars Hand Lens Imager (MAHLI) aboard NASA's Mars rover Curiosity created this product by merging two to eight images previously taken by the MAHLI, located on the turret at the end of the rover's robotic arm.

Ossia: "... il Mars Hand Lens Imager (MAHLI) a bordo del rover della NASA Curiosity ha creato questo prodotto fondendo da due a otto immagini precedentemente scattate dal MAHLI ..."

Quindi, in poche parole queste foto sono già frutto di un'elaborazione. In gergo si chiamano "stack", cioè sono più immagini dello stesso target riprese su piani focali diversi. Questi frame vengono "impilati" per prendere "il meglio" da ognuno. I software eseguono questa scelta in automatico, selezionando le zone a fuoco di ogni immagine e fondendole insieme per ottenere una foto finale dettagliata, con una profondità di campo maggiore rispetto a quella dei singoli scatti.

Anche questa tecnica, se completamente automatizzata, può produrre artefatti, così come avviene per il panorama.

Nel caso specifico, questi prodotti vengono assemblati direttamente a bordo di Curiosity, su Marte.
Il rover, infatti, dispone di quello che viene chiamato "Onboard Focus Stacking", cioè il MAHLI può acquisire una serie di immagini con fino ad un massimo di 8 posizioni di messa a fuoco e fonderle direttamente con il software di bordo, inviando sulla Terra il prodotto finito.

E visto che ci siamo, quelle curiose foto in scala di grigio che affiancano le miniature nel catalogo, sono delle mappe di profondità che, utilizzate insieme ai "FOCUS MERGE Data Product", permettono di generare una vista 3D del target.

Altre info su questo post:

Condividi e resta aggiornato!

Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Dal 2009 elaboro le immagini raw delle missioni spaziali insieme a Marco Faccin ed ho creato questo blog ad agosto 2012, in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte.
Per lavoro mi occupo di digital advertising, web e video analytics presso Shiny (SV – Italia) ma passo la maggior parte del tempo libero su questo sito e tra i cataloghi delle foto scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

Sito web: https://twitter.com/EliBonora
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

17-02-2017 Dawn

Ci sono molecole organiche su Cerere!

Secondo un nuovo studio appena pubblicato sulla rivista Science, i dati inviati a Terra dalla sonda della NASA Dawn suggeriscono c...

Leggi tutto

15-02-2017 OSIRIS-REx

OSIRIS-REx fotografa Giove

Giove al centro, luminosissimo, Callisto a sinistra, Europa ed Io a destra: questa prima immagine del gigante gassoso con tre dell...

Leggi tutto

13-02-2017 Missioni Spaziali

Mars 2020: ecco dove verrà raccolto il primo campione di roccia marziana da riportare sulla Terra

Sono tre i siti di atterraggio che vanno in finale, selezionati dalla NASA per la missione Mars 2020 che raccoglierà dei campioni ...

Leggi tutto

11-02-2017 ExoMars 2016

Trace Gas Orbiter (TGO) verso l'orbita finale

Arrivato in orbita attorno a Marte il 19 ottobre 2016, il Trace Gas Orbiter (TGO), della missione congiunta ESA/Roscosmos ExoMars...

Leggi tutto

17-02-2017 Dawn

Ci sono molecole organiche su Cerere!

Secondo un nuovo studio appena pubblicato sulla rivista Science, i dati inviati a Terra dalla sonda della NASA Dawn suggeriscono c...

15-02-2017 OSIRIS-REx

OSIRIS-REx fotografa Giove

Giove al centro, luminosissimo, Callisto a sinistra, Europa ed Io a destra: questa prima immagine del gigante gassoso con tre dell...

13-02-2017 Missioni Spaziali

Mars 2020: ecco dove verrà raccolto il primo campione di roccia marziana da riportare sulla Terra

Sono tre i siti di atterraggio che vanno in finale, selezionati dalla NASA per la missione Mars 2020 che raccoglierà dei campioni ...

11-02-2017 ExoMars 2016

Trace Gas Orbiter (TGO) verso l'orbita finale

Arrivato in orbita attorno a Marte il 19 ottobre 2016, il Trace Gas Orbiter (TGO), della missione congiunta ESA/Roscosmos ExoMars...

Flash News

03-02-2017 Spazio & Astronomia

Un vortice per vedere esopianeti

Un nuovo tipo di coronografo, che blocca la luce della stella principale, è stato installato all'osservatorio Keck ed ha ripreso l...

02-02-2017 Spazio & Astronomia

Hubble trova l'idrogeno nell'atmosfera di Europa

Utilizzando il Telescopio Spaziale Hubble, gli astronomi hanno individuato idrogeno atomico nell'atmosfera della luna di Giove, Eu...

Speciale missioni

07-02-2017 MSL - Curiosity

Curiosity alle prese con il passato di Marte... e con qualche problema!

Durante questi anni di missione, Curiosity ha scoperto le prove di diversi ambienti abitabili nella storia del cratere Gale. Tutta...

06-02-2017 Dawn

Cerere da una nuova (e ultima) prospettiva

La sonda Dawn, risolto il problema di "safe-mode" di fine Gennaio, si appresta a completare la sua indagine dalla sesta orbita XMO...

Rubriche

10-02-2017 Approfondimenti

Come muoversi meglio su Marte (seconda parte)

Dopo avere analizzato le problematiche nel muoversi sulla superficie del pianeta rosso, ecco qualche idea che potrebbe risolvere a...

17-01-2017 Ricreazioni Matematiche

Un formato digitale per immagini HDR

Che cosa sono le immagini "High Dinamic Range" e quale dovrebbe essere lo standard più giusto per rappresentarle? ...

Newsletter

I nostri articoli sono anche su Coelum Astronomia!

GRATIS E DIGITALE: leggilo ora!

Immagine del giorno

Meteo spaziale

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Aggiornato al 18 Febbraio.

Mission log

Iscriviti alla nostra newsletter!

Aggregatore notizie RSS - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it

[IT] Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Per saperne di più o negare il consenso prendete visione dell'Informativa Estesa.
Chiudendo questo banner cliccando su 'Accetto' ed in qualunque altro modo, o proseguendo la navigazione su questo sito web, acconsentite al loro uso.
[EN] This site uses technical and third-party cookies, in order to improve services and experiences of our readers. If you want to know more or deny cookies exchange, please view "Cookie Information".
Closing this banner clicking on 'Agree' and in any other way, or continuing to browse this website, you consent with the cookies usage.