Domenica 30 Aprile 2017
Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

Incontri ravvicinati con i NEO: analisi statistica (parte 1)

Quali sono le proprietà degli asteroidi che ogni giorno passano nelle nostre vicinanze e quali le falle nel sistema di rilevamento? Leggi tutto

Curiosity Mars Hand Lens Imager MAHLI: caratteristiche e calibrazione

CURIOSITY sol 34 MAHLI colors stress
CURIOSITY sol 34 MAHLI colors stress "Courtesy NASA/JPL -Caltech" processing 2di7 & titanio44

Il Mars Hand Lens Imager (MAHLI) è montato sulla torretta all'estremità del braccio robotico di Curiosity.

Il suo scopo è quello di acquisire immagini ravvicinate della superficie e delle rocce marziane. A breve entrerà nel vivo delle attività e verrà utilizzato come supporto per le indagini geologiche e mineralogiche.

I rover Spirit ed Opportunity disponevano ciascuno del Microscopic Imager (MI) che ha consentito agli scienziati di vedere dettagli del terreno marziano non disponibili nelle precedenti missioni: per la prima volta grazie al MI è stata confermata la presenza di sabbia con granelli da 62.5 a 2000 micrometri.

Il MAHLI si compone di due elementi hardware: la fotocamera montata sul braccio di Curiosity e il Digital Electronics Box (DEA) che contiene anche l'elettronica del Mars Descent Imager (MARDI) e delle due Mastcam. Il DEA è ospitato in un ambiente a temperatura controllata all'interno del rover.

Il MAHLI così come le Mastcam (Le variazioni cromatiche della Mastcam) utilizza un Bayer CCD per ottenere immagini a colori: la maggior parte dei sistemi utilizzati finora per ottenere foto a colore di Marte, richiedevano l'acquisizioni di immagini con almeno 2 o 3 filtri, da assemblare successivamente per ottenere il colore. La tecnologia utilizzata invece con Curiosity non così diversa dalle comuni fotocamere in commercio: dovrebbe assicurare una visione con colori naturali per gli standard umani e quindi aiutare i geologi e gli scienziati ad una migliore comprensione delle peculiarità del suolo marziano.

Rispetto alle immagini del Microscopic Imager dei MER Spirit ed Opportunity, il MAHLI ha un CCD 1600x1200 pixel e ne utilizza tutti i pixel. Il MAHLI è sostanzialmente una fotocamera da 2 Megapixel.

La fotocamera può mettere a fuoco da 22,5 millemetri ad infinito.

Alla distanza minima di 22,5 millimetri, le immagini hanno una risoluzione di circa 15 micrometri per pixel e coprono una superficie di circa 18x24 millimetri. Alla distanza di 66 millimetri utilizzata dal Microscopic Imager dei MER, la risoluzione è circa la stessa (31 micrometri per pixel) ma il MAHLI cattura immagini più grandi e a colori.

Dispone di 4 led: 2 a luce bianca e 2 ultravioletti (365 nanometri) per fornire illuminazione su obiettivi in ombra o per scatti notturni.
I led sono indipendenti e possono essere attivati o disattivati a seconda delle necessità.

Nell'immagine in apertura, è visibile il target di calibrazione del Mars Hand Lens Imager, fotografato durante il sol 34.
La foto fa parte di una serie di test eseguiti in questi giorni per la strumentazione presente sulla torretta e relativi ai movimenti del braccio robotico.
In questa elaborazione i pigmenti per la calibrazione colore sono stati enfatizzati per caratterizzarne la reale tendenza cromatica.

Condividi e resta aggiornato!

Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
In cerca di una nuova occupazione, negli ultimi anni mi sono occupata di digital advertising, web e video analytics.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

Sito web: https://twitter.com/EliBonora
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

28-04-2017 Cassini

Cassini: inizia ufficialmente il Grand Finale

Momenti di apprensione, ieri, per la prima orbita dell'ultima fase della missione, Grand Finale, della sonda della NASA Cassi...

Leggi tutto

27-04-2017 Angolo degli Astrofili

#astrofoto Galassia di Andromeda

Raccolta di nove ore di fotografie rgb e tre ore di H-Alpha in tre notti con quadrupletto APO Tecnosky da 70mm per 350mm...

Leggi tutto

26-04-2017 Dawn

Cerere modellata dal ghiaccio

Uno studio rivela il ruolo importante del ghiaccio sub-superficiale nel modellare l'aspetto del pianeta nano. Intanto, dopo gli ul...

Leggi tutto

25-04-2017 Spazio & Astronomia

2014 JO25: nuova animazione

Nuove osservazioni radar da Arecibo rafforzano la somiglianza con il nucleo di Chury.

Leggi tutto

28-04-2017 Cassini

Cassini: inizia ufficialmente il Grand Finale

Momenti di apprensione, ieri, per la prima orbita dell'ultima fase della missione, Grand Finale, della sonda della NASA Cassi...

27-04-2017 Angolo degli Astrofili

#astrofoto Galassia di Andromeda

Raccolta di nove ore di fotografie rgb e tre ore di H-Alpha in tre notti con quadrupletto APO Tecnosky da 70mm per 350mm...

26-04-2017 Dawn

Cerere modellata dal ghiaccio

Uno studio rivela il ruolo importante del ghiaccio sub-superficiale nel modellare l'aspetto del pianeta nano. Intanto, dopo gli ul...

25-04-2017 Spazio & Astronomia

2014 JO25: nuova animazione

Nuove osservazioni radar da Arecibo rafforzano la somiglianza con il nucleo di Chury.

Flash News

19-04-2017 Spazio & Astronomia

Sorpresa: l'asteroide 2014 JO25 è un clone di Chury!

Mentre l'asteroide stava passando alla minima distanza dalla Terra, la NASA pubblicava le prime immagini radar riprese ieri; la fo...

18-04-2017 Spazio & Astronomia

Incontro con 2014 JO25

Domani questo NEO di 650 metri passerà a 4,5 volte la distanza lunare, diventando visibie anche con piccoli strumenti amatoriali. ...

Speciale missioni

08-04-2017 Dawn

Ultime da Cerere

La sonda Dawn è ormai nella fase conclusiva del suo ultimo cambiamento d'orbita. Nel frattempo, un nuovo studio getta luce sull'or...

06-04-2017 Cassini

Cassini si prepara al Grand Finale

La sonda della NASA Cassini, in orbita attorno a Saturno dal 2004, sta per iniziare l'ultimo capitolo della sua straordinaria avve...

Rubriche

16-04-2017 Angolo degli Astrofili

#astrofoto La grande nebulosa di Orione

Ho realizzato questa immagine in alcune notti di dicembre 2016 utilizzando un apocromatico Tecnosky 70/350mm e una Canon 600D modi...

15-04-2017 Bacheca

Benvenuto Luca Fornaciari!

E' con grande piacere che oggi Alive Universe accoglie un nuovo amico con una grande passione, l'astrofotografia: benvenuto Luca F...

Newsletter

I nostri articoli sono anche su Coelum Astronomia!

GRATIS E DIGITALE: leggilo ora!

Immagine del giorno

Meteo spaziale

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Aggiornato al 29 Aprile.

Mission log

Iscriviti alla nostra newsletter!

Aggregatore notizie RSS - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it

[IT] Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Per saperne di più o negare il consenso prendete visione dell'Informativa Estesa.
Chiudendo questo banner cliccando su 'Accetto' ed in qualunque altro modo, o proseguendo la navigazione su questo sito web, acconsentite al loro uso.
[EN] This site uses technical and third-party cookies, in order to improve services and experiences of our readers. If you want to know more or deny cookies exchange, please view "Cookie Information".
Closing this banner clicking on 'Agree' and in any other way, or continuing to browse this website, you consent with the cookies usage.