Martedì 30 Maggio 2017
Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

Una cascata di "propellers"

Le immagini più dettagliate dell'anello A mostrano una moltitudine di "eliche" provocate da mini-lune che perturbano il materiale circostante. Leggi tutto

Fotografia di Pianeti Extrasolari fai da te!

Fotografia di Pianeti Extrasolari fai da te!
Photo: David Schneider

Siete affascinati dai pianeti extrasolari? Vorreste una vostra personale foto ricordo di un mondo alieno in orbita intorno ad un'altra stella?

Bene, David Schneider, redattore capo presso IEEE Spectrum, ha realizzato la video-guida che fa per voi!

A partire dal 1995, quando fu annunciata la scoperta di un pianeta in orbita intorno alla stella 51 Pegasi, gli esopianeti sono stati e sono tuttora un tema caldo.
Questo tipo di osservazioni sono generalmente sinonimo di attrezzature molto costose e così anche Schneider, pur essendo attratto dalla possibilità di fotografare personalmente pianeti al di fuori del nostro Sistema Solare, giudicava l'attività troppo dispendiosa.

Un giorno, però, venne a conoscenza del progetto KELT-North della Ohio State University, di Columbus, con cui intraprendenti astronomi avevano trovato un modo per individuare pianeti extrasolari combinando un dispositivo ad accoppiamento di carica (CCD), con un obiettivo Mamiya-Sekor, originariamente progettato per le fotocamere di fascia alta.
In aggiunta, cercando in rete, aveva anche notato un post di un astronomo amatoriale che riferiva di aver rilevato un pianeta extrasolare già noto, con un digital single-lens reflex (DSLR) e teleobiettivo. A quanto pare, questo era bastato per discernere il tuffo di luminosità di una stella nel momento in cui un pianeta orbitante era passato davanti (metodo del transito).

Il pianeta in questione era un gigante gassoso del sistema binario conosciuto come HD 189733, HIP 98505, o V452 Vulpeculae, che si trova a 63 anni luce dalla Terra nella costellazione della Volpetta.
"E' stata la scelta più ovvia", spiega Schneider nel suo articolo, perché la stella madre è relativamente brillante (anche se invisibile ad occhio nudo) e la caduta in luminosità apparente durante un transito del 2,6 per cento, che è un valore alto per questo genere di eventi (gli astronomi, che utilizzano una scala logaritmica per descrivere la luminosità di una stella, indicherebbero questa differenza pari a millimagnitude 28).

Così, Schneider ha iniziato a realizzare il suo progetto mantenendo un basso profilo economico.

E' andato a cercare un teleobiettivo per la sua Canon EOS Rebel XS DSLR, di quelli con la messa a fuoco manuale che ormai non utilizza più nessuno, cavandosela con una spesa di soli 92 dollari (circa 70 euro) per un 300 millimetri, più pochi spiccioli per un adattatore.

Si è arrangiato con un "barn door tracker", un dispositivo utilizzato per annullare il moto della Terra in osservazioni o fotografie astronomiche, al posto di uno star tracker commerciale che avrebbe avuto i suoi costi (è un meccanismo, di facile costruzione; è formato da tre assicelle di legno compensato, di cui una è incernierata e mossa da una vite girevole a mano, la cui rotazione viene controllata con un orologio. L'asse cerniera viene orientato verso la Polare e l'assicella mediana viene mantenuta inclinata di un angolo pari alla latitudine del luogo, grazie ad una guida di scorrimento e sistema di bloccaggio con viti a farfalla).

Per muovere il tracker, ha ricavato gli ingranaggi da una stampante inkjet defunta, ha aggiunto un microprocessore Arduino e pochi altri accorgimenti.

Anche a livello software, senza alcuna pretesa, ha utilizzato quello fornito con la sua fotocamera.

Insomma, sembra piuttosto semplice, no?

Come obiettivo per i test ha scelto la stessa stella HD 189733 Vulpeculae, catturando esposizioni di 50 secondi ogni minuto, con un basso ISO per evitare la saturazione sensore della fotocamera.

La parte più difficile di tutto il progetto è stata l'attesa perché il gigante gassoso HD 189733 b orbita intorno alla stella madre ogni 2,2 giorni. Potrebbe sembrare un evento frequente ma molti transiti, come quelli che si verificano durante il giorno o sono troppo vicino all'orizzonte, vanno scartati. In più, in cielo deve essere completamente sereno.

Dopo settimane di attesa, l'occasione è arrivata a metà ottobre e Schneider ha avuto fortuna con una sequenza di immagini durata quasi 3 ore, per riprendere un transito di 108 minuti.

Naturalmente, non è stato possibile individuare il transito guardando semplicemente le foto: ci sono troppe influenze, quali i cambiamenti nella trasparenza dell'atmosfera, la risposta del sensore che è raramente uniforme ecc. Per compensare, Schneider ha utilizzato un noto software, IRIS, che ha permesso di eseguire le dovute regolazioni e confermare un cambiamento di luminosità molto vicino a millimagnitude 28, come previsto.

HD 189733 b - transito 20 ottobre

Credit: David Schneider

Condividi e resta aggiornato!

Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
In cerca di una nuova occupazione, negli ultimi anni mi sono occupata di digital advertising, web e video analytics.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

Sito web: https://twitter.com/EliBonora
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

26-05-2017 Spazio & Astronomia

I misteriosi lampi ripresi da EPIC

La fotocamera Earth Polychromatic Imaging Camera (EPIC) a bordo dal satellite NOAA Deep Space Climate Observatory (DSCOVR), ha rip...

Leggi tutto

26-05-2017 Missioni Spaziali

NASA: anticipato il lancio di Psyche

Il lancio della missione robotica della NASA Psyche, destinata a studiare un asteroide gigante di metallo della fascia principale...

Leggi tutto

25-05-2017 Spazio & Astronomia

Addio Nanni!

Purtroppo stamane ci ha lasciati Giovanni Bignami, astrofisico, ex-presidente dell' INAF e apprezzato divulgatore. ...

Leggi tutto

25-05-2017 Cassini

Arriva il solstizio nel sistema di Saturno

A pochi mesi dalla fine programmata della missione, la sonda della NASA Cassini è oggi testimone di un altro grande evento nel sis...

Leggi tutto

26-05-2017 Spazio & Astronomia

I misteriosi lampi ripresi da EPIC

La fotocamera Earth Polychromatic Imaging Camera (EPIC) a bordo dal satellite NOAA Deep Space Climate Observatory (DSCOVR), ha rip...

26-05-2017 Missioni Spaziali

NASA: anticipato il lancio di Psyche

Il lancio della missione robotica della NASA Psyche, destinata a studiare un asteroide gigante di metallo della fascia principale...

25-05-2017 Spazio & Astronomia

Addio Nanni!

Purtroppo stamane ci ha lasciati Giovanni Bignami, astrofisico, ex-presidente dell' INAF e apprezzato divulgatore. ...

25-05-2017 Cassini

Arriva il solstizio nel sistema di Saturno

A pochi mesi dalla fine programmata della missione, la sonda della NASA Cassini è oggi testimone di un altro grande evento nel sis...

Flash News

23-05-2017 Missioni Spaziali

Eseguita con successo la passeggiata spaziale imprevista

Alle 10:06 p.m. EDT (le 16:06 italiane) si è conclusa la breve passeggiata spaziale del Comandante di Spedizione 51 Peggy Whi...

22-05-2017 Spazio & Astronomia

L'innominato ha una luna!

Nuove osservazioni mostrano che anche 2007 OR10, il terzo pianeta nano per dimensioni nella fascia di Kuiper, possiede un satellit...

Speciale missioni

20-05-2017 Dawn

Cerere in Opposizione!

Non si tratta di uno schieramento politico, ma del pianeta nano illuminato frontalmente; l'insolita e suggestiva osservazione è st...

20-05-2017 Juno

Juno completa il PJ6

Se anche voi vi state chiedendo come procede l'esplorazione di Giove, un ultimo aggiornamento conferma che la sonda della NASA Jun...

Rubriche

04-05-2017 Approfondimenti

Incontri ravvicinati con i NEO: analisi statistica (parte 2)

Fino a che punto le distanze e i tempi degli incontri con NEO sono distribuiti a caso?

29-04-2017 Approfondimenti

Incontri ravvicinati con i NEO: analisi statistica (parte 1)

Quali sono le proprietà degli asteroidi che ogni giorno passano nelle nostre vicinanze e quali le falle nel sistema di rilevamento...

Newsletter

I nostri articoli sono anche su Coelum Astronomia!

GRATIS E DIGITALE: leggilo ora!

Immagine del giorno

Meteo spaziale

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Aggiornato al 28 Maggio.

Mission log

Iscriviti alla nostra newsletter!

Aggregatore notizie RSS - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it

[IT] Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Per saperne di più o negare il consenso prendete visione dell'Informativa Estesa.
Chiudendo questo banner cliccando su 'Accetto' ed in qualunque altro modo, o proseguendo la navigazione su questo sito web, acconsentite al loro uso.
[EN] This site uses technical and third-party cookies, in order to improve services and experiences of our readers. If you want to know more or deny cookies exchange, please view "Cookie Information".
Closing this banner clicking on 'Agree' and in any other way, or continuing to browse this website, you consent with the cookies usage.